Un enorme SSD da 16 TB arriverà presto, ma c’è un problema

C’è stata molta eccitazione intorno a quella che sarebbe probabilmente la prima unità a stato solido (SSD) aziendale SATA da 2,5 pollici e 16 TB, ma alcuni problemi relativi alla produzione hanno causato un ritardo nell’introduzione del prodotto sul mercato.

Come riportato da TechRadar, Sabrent ha confermato di aver superato questi problemi e nei prossimi mesi dovrebbe arrivare il lancio del suo primo SSD aziendale SATA da 16 TB.

Bdavid32/Shutterstock

Quando l’SSD è stato annunciato a dicembre 2020, Phison ha scoperto problemi relativi al controller richiesto e successivamente ha annullato l’intero progetto, ha spiegato un portavoce a TechRadar.

“La buona notizia è che i problemi sono stati risolti e prevediamo di vedere molto presto degli SSD di esempio”, ha continuato il portavoce. “Quindi, insomma, verrà prodotto a breve, nei prossimi mesi, se tutto andrà bene dopo aver testato i campioni”.

L’unità stessa dovrebbe utilizzare i pacchetti QLC a 96 strati di Micron, accompagnati da un controller Phison E12S.

Per quanto riguarda il prezzo dell’SSD da 16 TB, il costo esatto non è stato rivelato, ma per riferimento, un SSD Samsung 870 QVO da 8 TB può essere acquistato per circa $ 749. Pertanto, TechRadar si aspetta che Sabrent fissi il prezzo a un massimo di $ 1.500.

Un SSD da 16 TB come questo sarà destinato al mercato aziendale che desidera aggiornare i dischi rigidi da 2,5 pollici a un SSD con molta più capacità.

Tuttavia, mentre ci sarà un mercato per un SSD da 16 TB (soprattutto nello spazio aziendale), ed è emozionante vedere presto disponibile un SSD con una capacità così ampia, TechRadar evidenzia come una versione di classe M.2 di tale un prodotto potrebbe essere molto lontano.

Certo, Micron ha presentato un chip NAND a 232 strati nel 2022. Ciò rappresenta il doppio della capacità della NAND a 96 strati attualmente utilizzata da Sabrent per il suo SSD Rocket Q. È quindi teoricamente possibile produrre un SSD basato su M2 da 19,2 TB.

TechRadar nota anche come i controller non dovrebbero rappresentare un grosso problema a causa della mancanza di un hard cap per quanto riguarda la capacità di archiviazione.

Tuttavia, c’è un avvertimento importante da considerare qui: il sito Web indica anche le preoccupazioni relative ai requisiti di alimentazione per un SSD basato su M2 così grande senza la necessità di una fonte di alimentazione esterna.

In ogni caso, mentre un SSD basato su M2 che si avvicina a 20 TB potrebbe essere all’orizzonte, potrebbero volerci almeno alcuni anni prima che arrivi un SSD da 200 TB alimentato da M2.

Raccomandazioni degli editori






Leave a Reply

Your email address will not be published.