Tutto quello che sappiamo su Dragon Age: Dreadwolf

BioWare ha avuto alcuni anni difficili. Dopo il successo di critica e commerciale di Dragon Age: Inquisizione, lo studio è passato a Mass Effect: Andromeda e Inno, due giochi che hanno abbandonato i principi dei precedenti titoli BioWare sotto la crescente pressione dell’editore.

Sono passati più di sei anni da allora Inquisizionee anche se sappiamo Dragon Age: Dreadwolf è in fase di sviluppo, ci vorrà un po’ prima che lo vediamo. Dalla data di uscita al teaser trailer a tutte le notizie e le voci che potremmo trovare, ecco tutto ciò che sappiamo Dragon Age: Dreadwolf.

Ulteriori letture

Data di rilascio

Lo sappiamo Dragon Age: Dreadwolf è in lavorazione grazie al teaser dei Game Awards 2018 e ad alcuni concept art rilasciati, ma anche allora sapevamo che non ce lo aspettavamo per un po’, però. Durante Chiamata sugli utili del secondo trimestre 2020 di EA, CFO e COO di EA Blake Jorgensen, ha affermato quanto segue: “Dovresti presumere che ci sia Dragon Age là fuori, e ne abbiamo parlato pubblicamente che è in lavorazione, e probabilmente arriva dopo il bilancio ‘ 22 … dovresti presumere che sia là fuori e che siano in corso piani per quel prodotto così come per altri prodotti.

Oltre a ciò, è stato solo nel giugno 2022 che BioWare ha annunciato ufficialmente il titolo del gioco come Dragon Age: Dreadwolfinsieme alla nota che non sarebbe arrivata nel 2022.

Piattaforme

Il logo del Dreadwolf di Dragon Age.

A parte alcune illustrazioni mostrate durante EA Play 2020 — di cui parleremo in seguito — EA non ha rilasciato molto su Dragon Age: Dreadwolf. Durante la Gamescom 2020, però, abbiamo dato un’altra occhiata.

Nonostante sia lungo quattro minuti, il look dietro le quinte non dice nulla Dragon Age: Dreadwolf. L’inizio del video cita anche l’hardware next-gen, quasi a conferma Dragon Age: Dreadwolf verrà lanciato su PS5 e Xbox Series X|S. Essendo così tardi nella generazione, sarebbe anche lecito presumere che non arriverà anche sui sistemi di ultima generazione.

Altrimenti, il video offre alcuni scorci sul gameplay, oltre a un particolare personaggio di ritorno: Solas. Questa non è necessariamente una novità – BioWare è stato piuttosto esplicito sul fatto che Solas sia un personaggio chiave nel prossimo gioco – ma è bello ricevere conferme.

Rimorchi

BioWare ha mostrato il primo teaser trailer ufficiale di Dragon Age: Dreadwolf durante i The Game Awards 2020. Il trailer mostra Solas e alcuni dei personaggi con cui potresti interpretare, sullo sfondo di un vibrante mondo fantastico brulicante di colori.

Altrimenti, c’era un trailer ai The Game Awards nel 2018, oltre a uno sguardo dietro le quinte durante la Gamescom 2020. Come la maggior parte dei teaser, non c’è molto da fare nel trailer, a parte un singolo dialogo dicendo: “Allora, mi hai finalmente trovato. Sospetto che tu abbia delle domande. Ad accompagnare questa riga c’è un tag che recita: “The Dread Wolf Rises”. Potete vedere il teaser qui sotto.

Ci stiamo tuffando in un territorio spoiler qui, quindi se sei interessato a giocare Dragon Age: Inquisizione prima della quarta voce della serie, salta avanti. Il Dread Wolf in Dragon Age si riferisce al dio elfico Fen’Harel, con il nome “Dread Wolf” che compare spesso durante il trasgressore DLC per Inquisizione. La tradizione è complessa, per non dire altro, e gli utenti su Reddit hanno già iniziato il lungo processo di scomposizione del trailer. In breve, però, Solas, un compagno di casa Inquisizione, confessa di essere Fen’Harel nel trasgressore DLC. Quindi spiega i rischi che l’Inquisizione diventi corrotta, prima che all’Inquisitore venga data la possibilità di scegliere tra fermare Solas o riscattarlo. Solas dice anche la frase “Sospetto che tu abbia domande”.

Ovviamente non conosciamo la trama Dragon Age: Dreadwolf, ma è chiaro che Solas è al centro. A ulteriore conferma di ciò, BioWare ha twittato una lettera scritta a mano da Solas che invitava l’Inquisitore a prendere il tè per festeggiare Dragon Age: InquisizioneQuinto anniversario.

Buon 5° compleanno, Dragon Age: Inquisition. pic.twitter.com/mTIRc5HfDM

— Bioware (@bioware) 18 novembre 2019

L’altra cosa su cui tocca il trailer è il lyrium rosso, in particolare un idolo del lyrium rosso Dragon Age II. Se non hai giocato al secondo gioco, avviso spoiler: dopo aver trovato l’idolo con Varric e suo fratello Bartrand nel primo atto, avvelena la mente di Bartrand. Possiamo vedere chiaramente l’idolo al centro del murale, quindi anche se non sappiamo cosa accadrà Dreadwolf, probabilmente coinvolgerà Solas che mette le mani sull’idolo corrotto.

Gioco

Non abbiamo alcun gameplay per Dragon Age: Dreadwolf ancora, ma EA ha anticipato alcuni concept art che danno uno sguardo a come sarà il gioco.

Durante EA Play 2020, in mezzo a un clamore per i titoli di nuova generazione, Laura Miele, chief studio officer di EA, ha dichiarato: “BioWare immagina e crea mondi in cui diventi l’eroe della tua stessa storia”, sullo sfondo delle immagini qui sotto. Sebbene non ci fossero riferimenti diretti a Dragon Age 4, Miele parla dei “mondi fantastici” di BioWare, il che almeno per noi è abbastanza.

Se le immagini sopra non provengono da Dragon Age: Dreadwolf, provengono da un altro gioco di ruolo fantasy epico di BioWare. Dato che lo sappiamo Dragon Age: Dreadwolf è in fase di sviluppo attivo, tuttavia, è lecito ritenere che provengano dalla quarta voce della serie. Inoltre, le immagini mostrano chiaramente il lyrium rosso.

Multigiocatore

In precedenza un rapporto di Kotaku ha affermato che il prossimo gioco di Dragon Age avrà elementi di servizio live. Questo presumibilmente proviene da EA, che, in passato, ha continuato a sostenere i giochi con un ciclo di vita della monetizzazione dopo il lancio. A seguito del rapporto, Casey Hudson ha twittato quanto segue:

Leggendo molti feedback su Dragon Age, penso che sarai sollevato nel vedere su cosa sta lavorando il team. Storia e amp; concentrato sul personaggio.

È troppo presto per parlare di dettagli, ma quando si parla di “live” significa solo progettare un gioco per continuare a raccontare storie dopo la storia principale.

— Casey Hudson (@CaseyDHudson) 25 gennaio 2018

Come ha detto un dipendente BioWare a Jason Schreier, “I giochi di Dragon Age cambiano più degli altri giochi”, quindi non abbiamo una direzione chiara sugli elementi del servizio live (anche se lo facessimo, probabilmente cambierebbero, almeno secondo dipendenti BioWare). I rapporti fuori dallo studio, tuttavia, suggeriscono che si concentreranno solo sul multiplayer, con la campagna principale per giocatore singolo non toccata da microtransazioni.

Per la gioia di molti fan là fuori, il successo combinato di Jedi: ordine caduto e il fallimento di Inno ha portato EA a cambiare marcia con questo gioco e a rimuovere gli elementi del servizio live che intendeva includere. Un rapporto di Bloomberg ha delineato come EA e il team abbiano deciso di spingersi fino a rimuovere tutti gli elementi multiplayer dal gioco.

DLC

Una splendente città medievale.

EA non ha parlato molto Dragon Age: Dreadwolf, per non parlare dei suoi piani post-lancio. Tuttavia, sospettiamo che BioWare funzionerà sui pacchetti DLC una volta che il gioco sarà finalmente lanciato. Da Dragon Age: Origini a Inquisizione, BioWare ha supportato ogni titolo con componenti aggiuntivi ed espansioni, alcuni dei quali sono cruciali per comprendere appieno la storia.

Quanto a quando arriverà il DLC, sarà probabilmente poco dopo il lancio. Dragon Age: Origini ha ricevuto il suo primo DLC post-lancio solo due mesi dopo il rilascio e Dragon Age: Inquisizione ha ottenuto il suo primo pacchetto DLC quattro mesi dopo il lancio.

Preordinare

I preordini non sono aumentati Dragon Age: Dreadwolf ancora. In realtà, non abbiamo nemmeno una data di uscita. Se le versioni precedenti sono qualcosa su cui basarsi, BioWare avrà più edizioni di Dragon Age: Dreadwolf con vari bonus di preordine.

Dragon Age: Inquisizione completato con una “Inquisitor’s Edition” da $ 170, che conteneva un mazzo di tarocchi, una custodia speciale, una mappa di stoffa, un set di grimaldelli a grandezza naturale, una penna d’oca e inchiostro, un distintivo, alcune monete e un diario di 40 pagine . Sono passati diversi anni da allora Inquisizionee l’industria dei videogiochi è cambiata molto, ma ci aspettiamo che EA rilasci ancora una grande e audace edizione da collezione per Dragon Age: Dreadwolf ricco di bonus pre-ordine.

Raccomandazioni degli editori






Leave a Reply

Your email address will not be published.