The Sims 4 ora consente ai giocatori di utilizzare pronomi personalizzati

EA e lo sviluppatore Maxis hanno annunciato di aver aggiunto una nuova funzionalità I Sims 4 che finalmente consente ai giocatori di personalizzare i pronomi per i loro personaggi Sims.

Martedì EA e Maxis hanno scritto nel loro post sul blog che hanno lavorato per aggiungere pronomi personalizzati dall’anno scorso, dopo aver ricevuto feedback dalla community di Sims. Per rendere questa caratteristica una realtà, hanno lavorato con due importanti organizzazioni di difesa LGBTQ+, GLAAD e It Gets Better Project, per ricercare e capire come vengono usati i pronomi tra i giocatori transgender e non binari. In tal modo, hanno appreso i contesti in cui i pronomi binari di genere sono stati utilizzati nel gioco e hanno lavorato per sviluppare un mezzo per personalizzare i pronomi per rendere l’esperienza di gioco più inclusiva per tutti.

In precedenza, i giocatori potevano selezionare i pronomi lei e lui solo durante la fase Crea un Sim del loro gameplay, che intrappolava i giocatori non binari e transgender in un sistema di genere binario che non rifletteva la loro esperienza vissuta. Ora con i pronomi personalizzati, i giocatori possono andare oltre i confini binari e selezionare i loro pronomi o crearne di personalizzati che non sono inclusi nell’elenco a discesa dei pronomi. I pronomi possono essere aggiunti nelle loro forme soggettive, oggettive, possessive dipendenti, possessive indipendenti e riflessive.

Al momento della stesura di questo articolo, la funzione dei pronomi personalizzati è disponibile solo in inglese e verrà estesa a più lingue in futuro poiché Maxis continua a modificare la funzione.

La funzione dei pronomi personalizzati arriva tre mesi dopo che EA ha rilasciato il Le mie storie di matrimonio pacchetto di contenuti in I Sims 4, che ha suscitato polemiche in Russia perché i suoi materiali promozionali con coppie dello stesso sesso hanno infranto la “legge sulla propaganda gay” del paese. EA inizialmente ha annunciato che non avrebbe rilasciato il pacchetto di contenuti in Russia in conformità con la legge, solo per tornare sui suoi passi e rilasciarlo comunque dopo aver ascoltato le preoccupazioni dei giocatori dentro e fuori il paese.

Raccomandazioni degli editori






Leave a Reply

Your email address will not be published.