Secondo quanto riferito, l’UE voterà per gli iPhone USB-C la prossima settimana

Secondo quanto riferito, l’UE sta pianificando di votare a favore di un regolamento storico che imporrà l’adozione di USB-C per smartphone e tablet, costringendo Apple a rinunciare alla porta Lightning su iPhone. Secondo un rapporto Reuters, i legislatori e i delegati dell’UE si incontreranno a un evento il 7 giugno. Durante tale incontro, la proposta di adottare universalmente la porta USB-C sarà concordata come standard unificato per tutti i telefoni e tablet venduti in la Regione.

“Il trilogo di martedì prossimo sarà il secondo e probabilmente l’ultimo tra i paesi dell’UE e i legislatori dell’UE sull’argomento”, afferma il rapporto, suggerendo che il notevole manifesto otterrà finalmente l’approvazione e diventerà legge. Il dibattito su uno standard di ricarica universale è stato affrontato quasi un decennio fa, ma negli anni successivi i produttori di Android sono passati in larga misura alle porte USB-C. Apple, nel frattempo, è rimasta fedele alla causa del suo port proprietario su iPhone.

Viktollio/Shutterstock

Nel settembre dello scorso anno, l’Unione Europea ha delineato il suo piano per armonizzare l’USB-C come soluzione di ricarica predefinita per tutti i telefoni e tablet venduti nell’area. L’obiettivo finale è ridurre il crescente stress ambientale dovuto ai rifiuti elettronici, risparmiando al contempo al consumatore medio di spendere più soldi per diversi tipi di cavi e adattatori a seconda dei gadget in tasca.

L’obiettivo attuale è il 2024 per l’applicazione della legislazione, consentendo ai produttori di dispositivi di avere tempo sufficiente per effettuare la transizione. Una volta implementato, sarebbe illegale per un marchio vendere dispositivi privi di una porta USB-C. Ovviamente, Apple rischia di perdere di più. Apple ha fatto pressioni con veemenza contro tali regole, sostenendo che rallenterebbe l’innovazione.

Nel febbraio 2022 abbiamo sentito parlare del fatto che la legislazione USB-C potrebbe essere adottata entro la fine di quest’anno. Oltre a telefoni e tablet, i piani sono di estendere il mandato USB-C a più categorie come cuffie, fotocamere e console per videogiochi. Pochi mesi dopo, ad aprile, i membri del Parlamento europeo hanno votato a stragrande maggioranza a favore della standardizzazione della porta USB-C.

Apple è già lì, più o meno

Apple, nonostante abbia mostrato la sua riluttanza pubblica nei confronti dei piani dell’UE, si è gradualmente avvicinata all’idea. La porta USB-C è arrivata per la prima volta sul costoso iPad Pro, quindi si è fatta strada sui più economici iPad Air e iPad mini tablet. Ma i tablet non sono neanche lontanamente vicini ai dati di vendita dell’iPhone e, con esso, il potenziale per vendere cavi Lightning e adattatori di ricarica per i telefoni che ora mancano di questi accessori nella confezione al dettaglio.

Che ci sia l’armonia delle porte dello smartphone!

Ma sembra che Apple stia almeno sperimentando l’inserimento di una porta USB-C sugli iPhone. Secondo un rapporto di Bloomberg, Apple sta testando iPhone che abbandonano l’interfaccia proprietaria Lightning a favore di una porta USB-C per la ricarica e il trasferimento di file. Inoltre, si dice che la società stia anche testando adattatori che funzionerebbero con accessori progettati pensando alla porta Lightning.

Il passaggio a un iPhone USB-C non dovrebbe avvenire prima del 2023. Ciò offre ad Apple il margine necessario per prepararsi alla scadenza del 2024 proposta dall’UE per l’adozione dello standard USB-C. Ciò significa che è quasi garantito che un iPhone 14 USB-C non accada, ma quando alla fine arriva l’iPhone 15, è allora che le cose potrebbero diventare interessanti.

Raccomandazioni degli editori






Leave a Reply

Your email address will not be published.