Schede grafiche Nvidia RTX serie 40: voci, rilascio, prezzo

Nvidia non ha rilasciato alcuna informazione sulle sue imminenti schede grafiche della serie RTX 40, ma una cosa è certa: Nvidia rilascerà GPU di prossima generazione a un certo punto. Per aggiornarti, abbiamo raccolto tutti i rumori attorno al refrigeratore d’acqua virtuale sulle schede grafiche della serie RTX 40, quando arriveranno e come si esibiranno.

Prima di immergerci, è importante notare che Nvidia non ha annunciato nulla sulle schede della serie RTX 40, altrimenti note come Lovelace. L’azienda non ha nemmeno confermato la loro esistenza. Tutte le informazioni di seguito si basano su voci, fughe di notizie e speculazioni. Abbiamo anche lanci precedenti con cui confrontare, quindi abbiamo incluso solo voci che sembrano probabilmente basate su lanci precedenti.

Serie RTX 40: prezzo e data di rilascio

Jacob Roach / Tendenze digitali

Con l’avanzare del 2022, la data di uscita della serie RTX 40 è diventata più attenta. Ci aspettiamo le carte questo autunno, che si allinea con il tradizionale ciclo di rilascio di Nvidia. Le schede della serie RTX 30 sono state lanciate a settembre 2020 e le schede della serie RTX 20 sono state lanciate a settembre 2018.

Le voci suggeriscono che potremmo vedere l’RTX 4080 anche prima, però. Rapporti recenti indicano un lancio alla fine dell’estate, da qualche parte intorno a metà luglio o all’inizio di agosto. L’informazione più concreta che abbiamo a questo punto è una voce secondo cui Nvidia lancerà l’RTX 4090 ad agosto, seguito dall’RTX 4080 a settembre e l’RTX 4070 ad ottobre.

Questa non è una speculazione selvaggia, nonostante Nvidia non abbia confermato nulla a questo punto. Ad aprile, il prolifico leaker kopite7kimi ha affermato che l’RTX 4090 aveva iniziato i test finali. Inoltre, i modder hanno scoperto componenti di erogazione di potenza extra sull’RTX 3090 Ti, suggerendo che la scheda è un po’ un test per le schede di nuova generazione.

Lo sapremo presto. Nvidia non ha nemmeno accennato a una finestra di lancio, ma ci sono buone probabilità di vedere le schede della serie RTX 40 tra la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno. Anche se quella finestra si chiude, prevediamo fortemente che le carte arrivino prima della fine dell’anno.

Per quanto riguarda il prezzo della serie RTX 40, al momento non lo sappiamo. Nvidia ha mantenuto i suoi prezzi invariati passando dalla serie RTX 20 alla serie RTX 30. Ecco dove si trova l’attuale formazione in questo momento:

  • RTX 3090: $ 1.499
  • RTX 3080 Ti: $ 1.199
  • RTX 3080: $ 699
  • RTX 3070 Ti: $ 599
  • RTX 3070: $ 499
  • RTX 3060 Ti: $ 399
  • RTX 3060: $ 329

Questa volta potremmo vedere gli stessi prezzi, anche se potremmo vedere un leggero aumento. Passando dalla GTX 1080 alla RTX 2080, Nvidia ha aumentato il prezzo di $ 100. Dato dove sono i prezzi delle GPU in questo momento, il prezzo suggerito non significa molto. Si spera che non sia così quando vengono lanciate le schede della serie RTX 40.

Serie RTX 40: architettura

Scheda grafica Nvidia RTX 3070 Founders Edition.

Lo stesso leaker che ha anticipato la data di rilascio ha anche affermato che le schede grafiche della serie RTX 40 saranno costruite sul nodo N5 del produttore di chip TSMC. Ciò si basa sulle voci precedenti secondo cui Nvidia utilizzerà un nodo a 5 nm, il che ha senso. Attualmente, le schede grafiche della serie RTX 30 utilizzano il processo a 8 nm di Samsung e Le schede RX 6000 di AMD utilizzano il processo TSMC 7nm.

Un rapporto di DigiTimes ha ulteriormente confermato questa voce, citando fonti del settore che affermano che Nvidia collaborerà con TSMC e utilizzerà il suo nodo N5. Sebbene Nvidia non abbia confermato nulla, tutti i segnali indicano che Nvidia utilizza TSMC come partner di produzione per la prossima generazione.

Un processo di produzione più piccolo significa che Nvidia può spremere più core sullo stesso die GPU. Le voci suggeriscono che il nuovo die sarà in grado di ospitare 18.432 core CUDA, che è quasi 8.000 in più rispetto all’RTX 3090. Questo è un enorme salto, suggerendo che le schede della serie RTX 40 potrebbero vedere lo stesso miglioramento delle prestazioni di quelle della serie RTX 30.

Tuttavia, ci sono alcuni avvertimenti che analizzeremo nelle prossime sezioni. Sulla base delle indiscrezioni, il nodo N5 di TSMC sembra probabile, ma è possibile che le schede possano utilizzare anche il nodo N5P. Questa è una versione migliorata del processo a 5 nm. Invece di saltare direttamente verso il basso, TSMC utilizza processi avanzati tra ogni passaggio, quindi 7 nm passa direttamente a 5 nm con un processo avanzato in mezzo e così via.

C’è un’altra possibilità: Nvidia potrebbe optare per un processo a 4 nm. Il prolifico leaker Moore’s Law is Dead lo ha twittato nell’aprile 2022 “Lovelace è davvero a 4 nm.” Tuttavia, Wccftech ha affermato che questo si riferisce in realtà al nodo 4N di TSMC, che è un processo a 5 nm. Per rendere le cose più incerte, il nodo N4 di TSMC (al contrario di 4N) si basa su un processo a 4 nm. Sebbene sia possibile che Moore’s Law is Dead significhi effettivamente che le GPU della serie 40 di Nvidia saranno basate su un processo a 4 nm, è possibile che ci sia stato un elemento di confusione nel tweet e il processo a 5 nm precedentemente riportato sia quello che dovremmo aspettarci.

Nucleo della GPU Nvidia.
Niels Broekhuijsen/Trend digitali

Si dice che Nvidia utilizzi un design monolitico per le schede della serie RTX 40, mentre si dice che le prossime schede di AMD utilizzino un modulo multi-chip (MCM). Secondo alcune indiscrezioni, Nvidia passerà a un design MCM con le sue schede grafiche Hopper, il cui lancio è previsto dopo Lovelace.

Non abbiamo sentito nulla di ray tracing o Tensor core, ma è lecito ritenere che appariranno su Lovelace. I core RT gestiscono il ray-tracing in tempo reale, mentre i core Tensor sono responsabili dei calcoli AI richiesti per il Deep Learning Super Sampling (DLSS) di Nvidia. Queste sono caratteristiche tentpole delle schede grafiche Nvidia, quindi ci aspettiamo che vengano visualizzate sulle schede della serie RTX 40.

Serie RTX 40: prestazioni

Le schede della serie RTX 40 sono tra almeno alcuni mesi, quindi non sappiamo ancora molto sulle prestazioni. Dato il presunto numero di core, una scheda con il dado completo potrebbe offrire un aumento fino al 76% rispetto all’RTX 3090. Tuttavia, sono solo prestazioni teoriche. Si applicano molti altri fattori, quindi non aspettarti un aumento del 76% nel mondo reale.

Una cosa è certa, otterremo un enorme miglioramento delle prestazioni, incluso il consumo energetico. Forse possiamo ottenere 100 tflops fp32 in una singola carta.

— kopite7kimi (@kopite7kimi) 22 maggio 2021

L’utente di Twitter kopite7kimi, che è diventato una fonte affidabile per le perdite di GPU, ha ipotizzato che le schede potrebbero essere in grado di raggiungere fino a 100 teraflop di potenza di calcolo FP32. È importante ribadire che questo numero è puramente speculativo. Il leaker non stava facendo l’affermazione sulla base delle informazioni che avevano a disposizione. Lo stesso leaker ha anche affermato che l’RTX 4090 potrebbe essere due volte più potente dell’RTX 3090

Un altro leaker, Greymon55, conferma le affermazioni, però. Il leaker afferma che le schede della serie RTX 40 offriranno fino al doppio delle prestazioni delle schede della serie RTX 30. Ciò ha un costo, tuttavia, con le carte più assetate di energia che si dice richiedano fino a 500 W.

Nel complesso, le voci suggeriscono un aumento di 2,2 volte rispetto all’attuale core della GPU. Eppure, è troppo presto per dirlo. Anche se il design è stato finalizzato in questo momento, Nvidia ha ancora bisogno di modificare i driver e ottimizzare le schede per eseguire gli ultimi giochi. Non sappiamo dove saranno le prestazioni al lancio delle carte, ma il circuito dei rumor suggerisce che potrebbe essere un grande miglioramento.

Un’altra cosa interessante da notare è che kopite7kimi ha anche rivendicato le GPU della serie 40 non supporterà PCIe 5.0, utilizzando invece la vecchia interfaccia PCIe 4.0. Al momento non è noto se ciò avrà un effetto notevole sulle prestazioni, ma è una rivelazione sorprendente dato che le GPU del data center Hopper di Nvidia supporteranno PCIe 5.0.

Serie RTX 40: potenza assorbita

Qualcuno che avvita un alimentatore.

Un aumento significativo delle prestazioni spesso arriva con un aumento della richiesta di potenza. E le voci suggeriscono che potrebbero esserlo le schede della serie RTX 40 più affamato di energia rispetto a qualsiasi versione precedente di Nvidia. Vari leaker hanno confermato che le carte richiederanno molta potenza, anche se il numero esatto è ancora in sospeso.

400 W sembrano il minimo per la scheda più potente, anche se alcuni leaker suggeriscono che potrebbe richiedere fino a 500 W. In effetti, il popolare YouTuber Moore’s Law is Dead crede che l’RTX 4090 potrebbe richiedere anche 600 W di potenza, e questa è solo la scheda di riferimento, quindi le offerte di terze parti potrebbero alzare ulteriormente il livello. Per il contesto, l’RTX 3090 richiede 350 W di potenza e Nvidia consiglia almeno un alimentatore da 750 W. Questa è la raccomandazione minima, quindi dovresti realisticamente avere un alimentatore da 800 W o superiore per l’RTX 3090.

Se la scheda della serie 40 superiore spinge verso 500 W o 600 W, probabilmente avrai bisogno di un alimentatore da 1000 W o superiore. Nvidia ha superato il limite massimo di 250 W con le sue schede grafiche della serie RTX 30. In precedenza, anche le schede consumer più potenti erano sotto i 250 W. RTX 3080, RTX 3080 Ti e RTX 3090 richiedono tutti oltre 300 W, mentre RTX 3090 Ti può richiedere 450 W. Con l’assorbimento di potenza di 600 W dell’RTX 4090 che segna un aumento del 33% rispetto all’RTX 3090 Ti, suggerisce che Nvidia non si preoccupa troppo dei limiti di potenza per i suoi modelli di fascia alta.

Nvidia non ha confermato nulla ed è possibile che il consumo di energia possa diminuire una volta finalizzato il design. Tuttavia, sembra che i costruttori potrebbero dover investire in un nuovo alimentatore per una scheda di fascia alta per la prossima generazione.

Raccomandazioni degli editori






Leave a Reply

Your email address will not be published.