Rutherford Falls ha scelto ciò che è in serbo per la stagione 2

Non c’è spettacolo attualmente in onda che abbia un cuore così grande e si faccia tante risate come quello di Peacock Cascate Rutherford. L’erede di L’insenatura di SchittIl titolo del “Programma TV più simpatico”, la serie presenta un mondo più bello e divertente di quello in cui viviamo, popolato da personaggi a cui il pubblico tiene e trame che vanno ben oltre la semplice battuta finale.

Una combinazione di scrittura intelligente ed empatica e un cast corale per cui puoi tifare è ciò che rende lo spettacolo così attraente. In una recente intervista con Digital Trends, il creatore Sierra Teller Ornelas e alcuni membri del cast hanno parlato di cosa potrebbe accadere nella seconda stagione, di come un Ballo sporco numero di produzione è stata una delle scene più difficili da girare per un membro del cast, e perché Cascate Rutherford è lo spettacolo più abbracciabile in TV in questo momento.

Tendenze digitali: cosa possono aspettarsi gli spettatori dalla seconda stagione di Cascate Rutherford?

Sierra Teller Ornelas (creatore/sceneggiatore/produttore): La stagione 2 è così divertente. Sono così entusiasta che tutti possano godersi la stagione 2 di Rutherford Falls. C’è un sacco di calore e commedia meravigliosi che il pubblico ha apprezzato nella prima stagione. Quest’anno ci appoggiamo davvero alla storia d’amore. Adoro il fatto che Reagan abbia più storie d’amore e possiamo vederla ingraziarsi ulteriormente nella sua comunità. Vedi Nathan che ricostruisce la sua eredità da zero e come appare. E poi puoi vedere Terry Thomas salire di livello in questo tipo di scenario onirico più elevato e come questo abbia più insidie ​​di quanto avrebbe potuto prevedere.

È divertente, è divertente e possiamo anche avvicinarci a una sorta di tropi televisivi che sono cresciuto amando, come un episodio di vacanza. Fanno un viaggio insieme che ha alcuni elementi divertenti che hanno una specificità comica nativa.

La vita di Nathan nel finale della prima stagione è stata sconvolta. Cosa ha in serbo per lui nella stagione 2?

Ed Helms (Nathan): Sì, alla fine della prima stagione, Nathan ha fondamentalmente un’epica crisi di identità. Viene gettato per un giro. Non ha idea di come o dove radicarsi. All’inizio della seconda stagione, sta atterrando. Non è carino. E sta ancora cercando di capire la sua vita e di fare alcune scelte stupide, ma lo sta facendo in modo esilarante. E per fortuna, ha avuto il suo amico Reagan per addolcire un po’ l’atterraggio.

Esploreremo di più Reagan nella stagione 2, in particolare nel zia Sue episodio. Cosa dovrebbero aspettarsi di vedere gli spettatori con Reagan in questa stagione?

Jana Schmieding (Reagan): Mi piace che tu abbia menzionato quell’episodio perché onora il ruolo della “zia” nelle comunità native. I nostri eroi sconosciuti nel paese indiano sono zie. Reagan sta sperimentando la leadership nella sua carriera, nella sua famiglia, nell’amore e nel romanticismo. Sta crescendo e possiamo vedere le lotte con quel tipo di crescita e quanto possa essere goffo entrare nel tuo potere.

Il cuore dello spettacolo è l’amicizia di Nathan e Reagan. Come è cambiata la loro relazione nella seconda stagione?

timoni: Sai, è stato messo alla prova piuttosto duramente alla fine della prima stagione. Penso che il fatto che siano ancora lì l’uno per l’altro sia davvero parte della bellezza di quell’amicizia. … si conoscono anche meglio di chiunque altro. E così possono premere a vicenda i pulsanti in tutti i modi fantastici. Ma come è diverso? [Looks at Jana] Come diresti che è diverso?

Schmieding: Sento che forse vedremo nella seconda stagione che Nathan e Reagan sono un po’ più come una famiglia che come amici. Hanno quel tipo di vicinanza in cui è come se non riuscissi a liberarmi di te anche se volessi. [Laughs] Possiamo vedere quell’ombra della loro amicizia e come si batteranno davvero l’uno per l’altro nei momenti più bui. E per questo motivo, penso che la loro amicizia si sia solo rafforzata.

Cosa possono aspettarsi gli spettatori quando le ambizioni politiche di Bobbie vengono alla ribalta nella seconda stagione?

Jesse Leigh (Bobbie): Nella seconda stagione, vediamo Bobbie candidarsi a sindaco di Rutherford Falls, che è un grande passo avanti rispetto alla prima stagione quando era lo stagista esecutivo di Nathan. Con lui in questa corsa al sindaco, vediamo Bobbie prepararsi per tutti i dibattiti che si susseguono e si vede più del lato feroce di Bobbie che i fan hanno amato nella prima stagione.

Nathan e Bobbie sembrano allarmati a Rutherford Falls.

Bobbie è il re delle battute nello show. È tutto nella sceneggiatura o ci contribuisci?

Leigh: Contribuisco un po’, ma è principalmente ciò che è scritto nella sceneggiatura.

L’ultima volta che abbiamo visto Josh, ha rivelato le vere origini di Nathan e potenzialmente ha minacciato la sua relazione con Reagan. Cosa gli riserverà la seconda stagione e vedremo di più sulla sua relazione con Reagan?

Dustin Milligan (Josh): Sì, alla fine della prima stagione, è stato sicuramente qualcosa in cui entrambi hanno spiegato che questo è quello che sono e questo è ciò di cui ho bisogno e funzionerà davvero? Penso che nella seconda stagione, vediamo davvero Josh mettere in discussione la scelta che ha fatto e se questa idea di se stesso che ha costruito in tutti questi anni sia giusta per lui e se non c’è qualcosa di più a Rutherford Falls, in particolare con Reagan, che deve esplorare a se stesso.

Qual è stata la tua scena preferita da girare nella seconda stagione?

Leigh: C’è un fantastico episodio di Halloween alla fine della stagione, quando Bobby si veste come Kim Kardashian.

Michael Greyeyes (Terry): Hmm. Bene, la scena più difficile è stata sicuramente la sequenza di ballo [set to I’ve Had The Time of My Life from Dirty Dancing] nel nostro episodio di apertura. Abbiamo lavorato così duramente su questo. Sai, mi è piaciuto fare quella sequenza, ma non dimenticherò mai che proprio mentre le telecamere stavano per girare, si era radunato un grande pubblico. Quindi, la pressione era alta per ottenere risultati e sono così orgoglioso di come è andata a finire. Kimberly [Guerrero] è una ballerina favolosa, anche se non è stata addestrata come tale. E penso che abbiamo ballato abbastanza bene insieme.

Milligan: Non per rivelare troppo, ma verso la fine della stagione, c’è una scena celebrativa davvero meravigliosa e sciocca che penso sia stata girata a tarda notte. Era come spingere la mezzanotte quasi quando l’abbiamo girato, quindi tutti sono davvero pazzi e ci sono un sacco di balli pazzi in corso in questa scena. E sì, è stato solo un divertimento sciocco. E potrei o non potrei limbo un po’.

Terry balla con una donna a Rutherford Falls.

Cosa vuoi che gli spettatori escano da questa stagione di Cascate Rutherford?

Occhi grigi: Quello che penso sia così bello nella scrittura di questa stagione è che è davvero un insieme al centro. Ciò che ti dice è che viviamo nel contesto e penso Cascate Rutherford lo fa così magnificamente. Viviamo in contesto con noi stessi, con le nostre storie. Viviamo nel contesto delle persone che ci circondano: nuovi arrivati, immigrati e coloni. E penso che la scelta di questo focus consenta al tipo di dinamiche davvero complesse di come ci relazioniamo gli uni con gli altri di venire alla ribalta.

Ornela: Con la stagione 2 di Cascate Rutherford, spero che la gente rida. Spero che apprezzino quanto sia divertente lo spettacolo perché sono così orgoglioso delle battute. Penso anche che lo show abbia un senso per cercare di umanizzare tutti i personaggi, siano essi nativi o non nativi, siano essi giovani o vecchi.

Penso che ci sia un vero calore che viene dallo spettacolo. E spero che le persone provino quel calore, specialmente quando viviamo in questi tempi in cui le cose possono diventare davvero appiattite e trasformarsi in una sorta di simboli rispetto alle persone reali. Adoro il fatto che siamo in grado di far ridere davvero le persone con personaggi che per me si sentono persone con cui sono cresciuto e persone che conosco.

Sono d’accordo. Cascate Rutherford è lo spettacolo raro che vuoi abbracciare. Vuoi abbracciare tutti quelli che ci sono dentro.

Ornela: [Laughs] È uno spettacolo molto abbracciabile.

Puoi trasmettere in streaming tutti gli otto episodi di Cascate Rutherford stagione 2 su Pavone. Per spettacoli e film più degni di nota su Peacock a giugno, dai un’occhiata alle novità su Peacock.

Raccomandazioni degli editori






Leave a Reply

Your email address will not be published.