Recensione Asus ROG Chakram X: un joystick su un mouse?

Asus ROG Chakram X

Prezzo consigliato $ 160,00

“Il joystick integrato dell’Asus ROG Chakram X sembra più un espediente che un’innovazione.”

Professionisti

  • Funzionalità hot-swap per lo switch perfetto

  • Il joystick è una caratteristica unica

  • Frequenza di polling di 8.000 Hz

  • Piedini in PTFE liscio

  • Abbastanza RGB

contro

  • Troppo costoso

  • Bug software frustranti

  • Il logo personalizzato è solo un disco di plastica

  • La durata della batteria non è delle migliori

Il miglior mouse da gioco varia da persona a persona. Una persona potrebbe optare per una migliore durata della batteria, mentre qualcun altro preferisce un tasso di polling elevato. Tuttavia, che dire della persona che desidera qualcosa di diverso, come un joystick e la possibilità di scambiare a caldo gli interruttori? Quella persona ora ha una risposta: il Asus ROG Chakram X.

L’Asus ROG è un mouse ergonomico che presenta una silhouette simile a un Logitech G502, ma la personalizzazione dello Strix Flare II Animate. Oh, e ha un joystick, una frequenza di polling di 8.000 Hz e un DPI massimo di 36.000.

Con così tante funzionalità, però, arriva anche un peso elevato di 127 grammi e un prezzo ancora più alto di $ 160.

Design e comfort

La rotellina del Chakram X.

Questo mouse mi ha immediatamente ricordato un fantasma Alone — specialmente quando guardi il poggiapolsi. Ho ricevuto vibrazioni extraterrestri da questo mouse, specialmente con la quantità di RGB e conchiglia fumosa.

La prima cosa che ho notato con l’Asus ROG Chakram X è stato il suo design ingombrante ed ergonomico che ricorda il Logitech G502 con il suo poggiapolsi. Tuttavia, Chakram X ha molte caratteristiche di design uniche, come un DPI massimo di 36.000, quattro pulsanti laterali, un guscio magnetico rimovibile, una frequenza di polling di 8.000 Hz, ricarica wireless (in una certa misura) e, naturalmente, l’interruttore push-fit prese e la chiavetta analogica.

Sebbene tutte queste funzionalità siano interessanti, non aspettarti leggerezza poiché questo mouse pesa 127 g. Sono sette grammi più pesanti del Razer Naga Trinità – e che ha tasti macro dedicati. Tuttavia, il peso del Chakram X è bilanciato molto bene e la leggerezza non è mai stata il modo in cui questo mouse è stato commercializzato.

Anche i piedini in PTFE sotto il mouse hanno aiutato a spostare il Chakram sulla mia scrivania. Sono lisci come quelli inclusi in Roccat Burst Pro Air. Anche sotto il mouse ci sono due pulsanti, uno che regola DPI e un altro per accoppiare Chakram X con il tuo PC. C’è anche un dispositivo di scorrimento che ti consente di alternare tra la modalità wireless a 2,4 GHz, Bluetooth o cablata.

La caratteristica più bella del Chakram X è la sua levetta analogica sul lato.

Il Chakram X ha tutto ciò che la maggior parte dei mouse da gioco wireless fa al giorno d’oggi, come un piccolo dongle da 2,4 GHz, un cavo paracord, una ricarica rapida. e una barca di RGB. Tuttavia, il Chakram X è dotato di prese per interruttori hot-swap e un joystick sul lato sinistro. Accedere agli interruttori è molto semplice: basta sollevare il guscio magnetico e i pulsanti sinistro e destro.

Questa non è la prima volta che Asus ha rilasciato un mouse con prese hot-swap, poiché era disponibile sulla versione precedente di Chakram e ROG Gladius III. Come appassionato di tastiere meccaniche con quasi 20 set di interruttori, adoro l’idea di avere la compatibilità hot-swap su un mouse perché gli interruttori del mouse sono economici e offrono un sacco di personalizzazione.

La caratteristica più bella del Chakram X è la sua levetta analogica sul lato, che si dice offra un livello di controllo simile a un gamepad. Il fatto è che è incredibilmente imbarazzante e scomodo da usare. La levetta analogica sembra molto rigida rispetto a una normale levetta per gamepad e, anche se il Chakram X è dotato di una più alta, ciò non ha aiutato le cose. Fortunatamente, il Chakram X è dotato di una copertura del joystick che ti consente di liberare completamente lo stick, il che è stato il più comodo per me.

Gli interruttori sul mouse Chakram X.

Il numero di pulsanti laterali sul Chakram X è abbondante, poiché ne hai quattro da riprogrammare secondo il desiderio del tuo cuore. Non sono un grande fan dei quattro pulsanti laterali di questo mouse perché i pulsanti avanti e indietro sono troppo distanti e gli altri due pulsanti laterali sono troppo sottili per i miei gusti.

Sono un grande fan dell’RGB su Chakram X perché puoi effettivamente vederlo quando usi il mouse. La parte anteriore del Chakram illumina la rotella di scorrimento e il logo ROG, ma ovviamente è coperto dalla tua mano. Il logo ROG può essere rimosso sul posto per il tuo logo o design se sei abbastanza furbo. Davanti al Chakram c’è un connettore USB-C, che non solo offre 25 ore di durata della batteria in soli 15 minuti di ricarica, ma aumenta la frequenza di polling fino a 8.000 Hz.

Ti consigliamo di tenere il cavo USB-C vicino per la durata della batteria.

Se prevedi di utilizzare tutto l’RGB mentre sei in modalità wireless, ti consigliamo di tenere il cavo USB-C vicino poiché hai solo 59 ore di utilizzo tra una ricarica e l’altra. Tuttavia, se hai delle monete di riserva in tasca, puoi prendere il tappetino per mouse Asus ROG Balteus Qi RGB, che consente la ricarica wireless.

Software

Ho riscontrato alcuni problemi con il software Armory Crate incluso. Al momento dell’installazione, mi ha accolto con una schermata di caricamento che apparentemente non è mai terminata.

Quando finalmente sono entrato in Armory Crate per la prima volta, sono stato costretto ad aggiornare il firmware di Chakram X e riavviare il mio PC. Uff. Non mi sono imbattuto in un’applicazione così frustrante per andare avanti da molto tempo.

Alla fine, dopo numerosi tentativi, sono riuscito a rientrare nel software per impostare i miei DPI e RGB preferiti.

Nonostante i suoi difetti, Armory Crate fa ben sperare per il Chakram X, in quanto ti consente di regolare il DPI usando la rotella di scorrimento. All’interno di Armory Crate, puoi attivare la modalità digitale, che riduce le rotazioni del joystick a sole quattro, consentendo azioni più precise, come il cambio dell’equipaggiamento nel gioco. Ovviamente, hai ancora anche le solite opzioni di rimappatura.

Sensori e interruttori

Il Chakram X con il guscio spento.

La parte più interessante di Chakram X è il design della presa dell’interruttore a innesto, che consente di scambiare facilmente gli interruttori. A differenza delle tastiere meccaniche, gli interruttori per mouse meccanici sono economici e le prese a innesto accolgono anche interruttori ottici, quindi la personalizzazione è infinita.

Mentre il Chakram X accoglie gli interruttori del mouse stranieri, quelli di serie sono fantastici e dureranno. Gli interruttori inclusi sono i microinterruttori ROG, che sono classificati per 70 milioni di clic e hanno un urto tattile davvero soddisfacente e un profilo sonoro silenziato.

Asus ha dotato il Chakram X del suo nuovo sensore ottico AimPoint ed è veloce. Il sensore ottico AimPoint presenta un DPI fino a 36.000 e una frequenza di polling di 8.000 Hz se collegato tramite USB-C.

Esperienza di gioco

Il joystick Chakram X su una scrivania di legno.

Per ottenere la migliore esperienza di gioco con Chakram X, sapevo che dovevo usarlo in modalità cablata, poiché abilita il polling a 8.000 Hz. Ricordo alcuni anni fa, quando ROG annunciò per la prima volta il Chakram, che una delle cose menzionate dall’azienda era la capacità di eliminare la necessità di un controller quando si volava in un gioco come Grand Theft Auto.

Ho pensato che sarebbe stato divertente caricare il prezioso patrimonio di Rockstar Games e dare una possibilità al volo, ed è stato piuttosto divertente. Tuttavia, in realtà usare la levetta per volare non è stato naturale. Anche dopo un paio d’ore di utilizzo, ho continuato a tenere d’occhio il mio controller Xbox knock-off da $ 20 che ho scaricato da Amazon. Non è un buon segno.

L’intero scopo di un joystick è di essere più preciso offrendo 360 gradi di rotazione. Tuttavia, poiché la levetta si trova sul lato del mouse, l’intera gamma di circolazione risulta limitata. Le manovre in cui questa levetta mi ha costretto la mano non sono mai state giuste.

Joystick Chakram X installato sulla mia scrivania.

Anche se non mi è piaciuto usare il joystick, mi è piaciuto usare Chakram X come qualsiasi altro mouse perché è comunque veloce. Non dimentichiamo che Chakram X ha un tasso di polling e DPI che sono alle stelle, quindi è ancora molto competitivo.

La nostra presa

È triste dire che sono rimasto deluso dall’Asus ROG Chakram X. Non fraintendermi, apprezzo la distribuzione del peso, le prese hot-swap e il sensore estremamente veloce. Ma questo è tutto. La levetta analogica sembra poco pratica e di nicchia, soprattutto per un mouse di questo prezzo.

Ci sono alternative?

Se ami l’idea di un mouse da gioco con la sua levetta analogica, è proprio questo.

Tuttavia, se desideri prese hot-swap, ti indicherei l’Asus ROG Gladius III Wireless o lo Spatha X se stai cercando un sacco di pulsanti e lo scambio di interruttori. Senza il joystick e le prese hot-swap, sembra un Logitech G502 leggermente più veloce.

Quanto durerà?

Il ROG Chakram X offre una garanzia di un anno, tuttavia, a meno che tu non abbia intenzione di sbattere questo mouse in giro, posso assicurarti che durerà molti anni, soprattutto considerando il fatto che puoi sostituire gli interruttori all’istante.

Dovresti comprarlo?

No, non per la maggior parte delle persone. Il Chakram X si separa da quasi tutti gli altri mouse da gioco sul mercato grazie al joystick. A meno che tu non sia davvero entusiasta di questa funzione, il Chakram X finisce per essere troppo costoso per quello che è.

Raccomandazioni degli editori






Leave a Reply

Your email address will not be published.