Perché il “vero” Apple M2 potrebbe non essere pronto fino al 2023

La WWDC 2022 inizia la prossima settimana e da mesi circolano voci su Apple che annuncia il suo chip M2 per i nuovi MacBook. C’è una solida possibilità che Apple rilasci nuovi MacBook con silicio aggiornato al WWDC, ma non sarà il salto generazionale completo sperato dai fan.

Il problema si riduce a su quale wafer Apple baserà l’M2. L’M1 è basato sul processo di produzione a 5 nm del produttore di chip TSMC e le voci hanno indicato che Apple utilizza il processo di produzione a 4 nm per l’M2. Secondo l’analista Apple Ming-Chi Kuo e perdente Gambero Mela Prociò non sarà possibile se Apple prevede di rilasciare nuovi MacBook nella seconda metà dell’anno.

TSMC ha ritardato la produzione in volume sul suo nodo N4P – una versione aggiornata del nodo N4 a 4 nm, che a sua volta è un aggiornamento del nodo N5 a 5 nm – fino al 2023. Il vero silicio Apple di nuova generazione arriverà probabilmente nel 2023 sul processo a 3 nm di TSMC, che è un miglioramento generazionale rispetto a N5 e ai suoi vari derivati.

La denominazione è la grande domanda al momento. Per mesi, le voci hanno indicato il lancio di nuovi Mac da parte di Apple al WWDC quest’anno. Apple ha aggiornato tutti i suoi Mac (meno iMac Pro e Mac Pro) con il proprio silicio, così come alcuni iPad, quindi un nuovo MacBook Pro o MacBook Air verrebbe probabilmente con un chip Apple aggiornato.

Non sappiamo quali prodotti Apple annuncerà al WWDC o se annuncerà prodotti. Tuttavia, ci sono buone probabilità di vedere il MacBook Air 2022 e il MacBook Pro da 13 pollici. Entrambi questi prodotti sono stati lanciati a novembre 2020 con il nuovo processore M1, all’epoca. Avvicinandosi ai due anni, entrambi avrebbero dovuto rinfrescarsi da mesi.

Supponendo che una o entrambe le macchine si presentino al WWDC, non è chiaro se Apple utilizzerà M2 come nomenclatura per il suo silicio o annuncerà una nuova versione di M1. Dal lancio del MacBook Air M1, Apple ha introdotto M1 Pro, Max e Ultra. Le voci suggeriscono che Apple stia lavorando anche su un processore M1 Extreme, anche se probabilmente non sarà un’opzione per una macchina incentrata sull’efficienza come il MacBook Air.

Anche se non otterremo il vero silicio Apple di nuova generazione fino al 2023, un MacBook Air aggiornato è ancora una forte possibilità. Ming-Chi Kuo fa notare che “un design completamente nuovo è già un grande punto di forza per il nuovo [MacBook Air]. Lasciando il tanto atteso debutto della serie M2 al prossimo 14″/16″ [MacBook Pro] può contribuire di più ad Apple”.

Il design è stato un elemento determinante del prossimo MacBook Air, almeno secondo vari render e concept trapelati. Si dice che il design rinnovato sia disponibile in vari colori diversi per abbinarsi all’iMac da 24 pollici, oltre a presentare tasti bianchi arrotondati. Potrebbe anche essere dotato di una webcam 1080p e di una tacca come il MacBook Pro da 14 pollici.

Per ora non ci resta che aspettare. La WWDC 2022 inizia il 6 giugno e puoi trasmettere in streaming la presentazione del keynote sulla pagina degli eventi di Apple.

Raccomandazioni degli editori






Leave a Reply

Your email address will not be published.