Nuovi standard metaverse per affrontare la mancanza di interoperabilità

Grandi nomi della tecnologia come Meta, Microsoft ed Epic Games hanno formato un’organizzazione di standard chiamata Metaverse Standards Forum (MSF). Questo vuole essere un gruppo che crea standard aperti per tutto ciò che riguarda il metaverso, inclusa la realtà virtuale, la realtà aumentata e la tecnologia 3D.

Oltre 30 aziende hanno firmato, alcune delle quali sono profonde nella tecnologia del metaverso come Meta stessa. Altri includono Nvidia, Unity (i creatori del popolare motore di gioco), Qualcomm, Sony e persino la stessa organizzazione di standard web: il Worldwide Web Consortium (W3).

Meta ricerca

Secondo il comunicato stampa ufficiale:

“Il Forum esplorerà dove la mancanza di interoperabilità sta frenando la diffusione del metaverso e come il lavoro delle organizzazioni di sviluppo degli standard (SDO) che definiscono e fanno evolvere gli standard necessari può essere coordinato e accelerato. Aperto a qualsiasi organizzazione senza alcun costo, il Forum si concentrerà su progetti pragmatici basati sull’azione come la prototipazione dell’implementazione, gli hackathon, i plugfest e gli strumenti open source per accelerare il test e l’adozione degli standard metaverse, sviluppando al contempo una terminologia e un’implementazione coerenti linee guida”.

Ciò sembra implicare che molte delle future tecnologie create per il metaverso includeranno un certo livello di interoperabilità tra le aziende. Ciò non significa che il metaverse sarà Internet 2.0, ma potrebbe consentire agli utenti di utilizzare determinati profili o dati su piattaforme metaverse. Infatti, questo è direttamente affermato nel comunicato stampa:

“Il metaverso riunirà diverse tecnologie, che richiedono una costellazione di standard di interoperabilità, creati e mantenuti da molte organizzazioni di standardizzazione”, ha affermato Neil Trevett, presidente di Khronos. “Il Metaverse Standards Forum è un luogo unico per il coordinamento tra le organizzazioni di standardizzazione e l’industria, con la missione di promuovere la standardizzazione pragmatica e tempestiva che sarà essenziale per un metaverso aperto e inclusivo”.

Una visione del metaverso di Meta in ambito lavorativo.

Oltre al W3, anche altre organizzazioni di standardizzazione hanno aderito al Forum, come Open AR Cloud, Spatial Web Foundation e Open Geospatial Consortium. Questo dà molto peso e legittimità tanto necessaria all’organizzazione, poiché il metaverso è un campo tecnologico in forte crescita.

È interessante notare che al momento mancano i principali giocatori di VR/AR. Apple, che ha già investito molto nella tecnologia AR e sta progettando le proprie cuffie, non è ancora entrata a far parte di MSF. Niantic, creatore del popolare gioco AR Pokemon Vai, manca anche dal roster. Il protocollo sottolinea anche che la Roblox Corporation, creatrice del grande successo Roblox gioco, ha anche rifiutato di aderire per ora.

Sebbene non sia considerato un “metaverso” nell’uso popolare, Roblox in particolare è stato in grado di creare un mondo 3D immersivo in cui le persone possono creare interi giochi al suo interno.

L’esclusione di Apple, Niantic e Roblox non è una conclusione scontata, tuttavia, poiché MSF è appena iniziata. La cosa buona è che la maggior parte dei principali attori della tecnologia del metaverso stanno accettando di creare una sorta di standard unificato per rendere lo sviluppo molto più semplice. Il comunicato stampa ha nominato diversi importanti settori tecnologici, inclusi avatar, gestione della privacy e dell’identità e transazioni finanziarie.

Il Metaverse Standards Forum dovrebbe iniziare la riunione il mese prossimo.

Raccomandazioni degli editori






Leave a Reply

Your email address will not be published.