Nuovi modi in cui Meta ti paga per realizzare video su Facebook, Instagram

I creatori su Facebook e Instagram avranno presto più modi per generare entrate dai loro contenuti.

Martedì, il CEO di Meta Mark Zuckerberg ha condiviso tramite un post di Facebook (e in una serie di commenti su quel post), alcuni aggiornamenti sulla monetizzazione per i creatori su Facebook e Instagram. Questi aggiornamenti includevano espansioni alle opzioni di monetizzazione esistenti, nonché alcuni nuovi modi per fare soldi.

I programmi di monetizzazione ampliati includono Facebook Stars e il programma bonus Reels Play. Le stelle di Facebook consentono ai creatori di generare entrate dai loro contenuti audio e video consentendo agli spettatori di acquistare stelle di quel contenuto da inviare al creatore di quel contenuto. Facebook pagherà quindi ai creatori $ 0,01 per stella ricevuta.

Zuckerberg ha affermato che il programma Stars sarà aperto a “tutti i creatori idonei in modo che più persone possano iniziare a guadagnare dai loro video Reels, live o VOD”. E in una dichiarazione inviata via e-mail, Meta ha fornito ulteriori dettagli e descritto i creatori idonei come coloro “che hanno almeno 1.000 follower negli ultimi 60 giorni (che si trovano nei mercati in cui sono disponibili le stelle e soddisfano anche le nostre Politiche di monetizzazione dei partner e Politiche di monetizzazione dei contenuti)… “

In sostanza, il programma bonus Reels Play è un modo per i creatori su Instagram di monetizzare i loro rulli guadagnando denaro in base a quante volte i tuoi rulli vengono giocati. Quindi, più ascolti su Reels significano più soldi per i creatori che li hanno realizzati. Secondo l’annuncio di Zuckerberg, questo programma verrà esteso a “presto più creatori su Facebook e consentirà ai creatori di eseguire il cross-posting delle loro bobine di Instagram su Facebook e di monetizzare anche lì”.

Questa espansione dovrebbe iniziare la prossima settimana per i creatori negli Stati Uniti. I creatori sono idonei per il nuovo programma bonus di Facebook Reels Play se soddisfano i seguenti requisiti: hanno realizzato più di cinque rulli e ottenuto almeno 100.000 visualizzazioni negli ultimi 30 giorni.

Zuckerberg ha anche annunciato nuove opzioni di monetizzazione per i creatori: abbonamenti interoperabili e Creator Marketplace. Gli abbonamenti interoperabili consentiranno ai creatori di offrire ai loro abbonati a pagamento (di altre piattaforme) l’accesso a gruppi Facebook esclusivi per i loro abbonati. Il Creator Marketplace dovrebbe essere un luogo specifico all’interno di Instagram in cui i creatori “possono essere scoperti e pagati” e dove i marchi possono contattare i creatori con concerti di partnership. Una “cartella di messaggistica per le partnership” dovrebbe essere inclusa anche nella messaggistica diretta di Instagram come parte del Creator Marketplace.

Il CEO di Meta ha anche offerto alcuni altri aggiornamenti sulla compartecipazione alle entrate e sul tentativo della sua azienda di incorporare gli NFT nelle sue piattaforme. Zuckerberg ha affermato che, nel tentativo di portare più soldi ai creatori, “ritarderà qualsiasi compartecipazione alle entrate su Facebook e Instagram fino al 2024. Ciò include eventi online a pagamento, abbonamenti, badge e bollettini”.

Per quanto riguarda gli NFT, che Meta chiama “Digital Collectibles”, Zuckerberg ha affermato che il test precedentemente annunciato sarebbe stato ampliato “in modo che più creatori di tutto il mondo possano mostrare i loro NFT su Instagram”. La possibilità di visualizzare NFT dovrebbe estendersi anche a Facebook (come parte di un test iniziale con alcuni creatori statunitensi). È stato anche annunciato che presto inizieranno i test per NFT con Spark AR nelle storie di Instagram.

La spinta di Meta per contenuti originali e ora questo maggiore supporto per i creatori non dovrebbe sorprendere. Una nota interna trapelata di recente indicava praticamente che garantire il successo di Reels era una priorità per Meta e che il supporto ai creatori sulle proprie piattaforme faceva parte di questo.

Raccomandazioni degli editori






Leave a Reply

Your email address will not be published.