Microsoft prevede di riconoscere il nuovo sindacato degli sviluppatori di Call of Duty

Il CEO di Xbox Phil Spencer ha affermato che Microsoft riconoscerà l’unione di Raven Software una volta che l’acquisizione di Activision Blizzard da quasi 69 miliardi di dollari si chiuderà il prossimo anno.

Secondo un rapporto di Kotaku, Spencer ha tenuto una riunione interna di Microsoft giovedì in cui ha affrontato alcune delle dichiarazioni che ha fatto sui sindacati dei lavoratori del gioco durante la riunione dello scorso anno quando ha affermato di non avere esperienza con loro. Oggi, ha affermato di essersi preso il tempo per saperne di più sugli sforzi organizzativi degli sviluppatori di giochi in tutto il settore e ha fornito loro una calorosa dichiarazione di sostegno.

“Linda Norman ed io abbiamo passato molto tempo a istruirmi sui sindacati”, avrebbe detto Spencer. “Sosteniamo assolutamente il diritto dei dipendenti di organizzare e formare sindacati”.

La dichiarazione di Spencer conferma quella che Lisa Tanzi, vicepresidente aziendale e consigliere generale di Microsoft, ha rilasciato al Washington Post a marzo affermando che la società rispetterà l’esito di un’unione formata dagli sviluppatori di Activision Blizzard.

Sebbene Microsoft non abbia rapporti con i Communication Workers of America né con la Game Workers Alliance, Spencer ha chiarito di sostenere il diritto degli sviluppatori di giochi di organizzare sindacati, in particolare il sindacato di Raven Software, sapendo che Activision Blizzard non riconoscerà prima che l’acquisizione sia oggetto di indagine in attesa da parte della Federal Trade Commission (FTC). È tecnicamente illegale per un’azienda non riconoscere un sindacato a questo punto.

“Una volta concluso l’accordo, sosterremmo assolutamente [an] organizzazione dei dipendenti che è in atto. Pensiamo che sia un diritto dei dipendenti e qualcosa che può far parte di una relazione tra un’azienda e le persone che lavorano in azienda”, ha affermato. “Ma quando l’accordo sarà concluso, lo riconosceremo assolutamente [the union].”

La dichiarazione di Spencer arriva tre giorni dopo che Raven Software ha formato il suo sindacato dopo un voto di 19-3, segnandolo il primo sindacato di studio di giochi AAA del settore. Il voto sindacale è arrivato immediatamente dopo che il National Labor Relations Board (NLRB) ha scoperto che Activision Blizzard ha minacciato illegalmente il personale e applicato una politica sui social media che era in conflitto con i diritti organizzativi dei dipendenti, accuse negate dalla società.

Il sindacato di Raven Software è anche il secondo sindacato di giochi in Nord America dopo che lo studio di giochi indipendenti Vodeo Games ha formato la Vodeo Games Union a dicembre. Questo sindacato rappresenta sia i lavoratori a tempo pieno che quelli a contratto sparsi negli Stati Uniti e in Canada.

Raccomandazioni degli editori






Leave a Reply

Your email address will not be published.