Meta anticipa il primo visore HDR VR e i display olografici

Meta (ex Facebook) ha finalmente i dettagli da condividere sui suoi sviluppi nell’hardware VR.

In un recente breve video clip, Mark Zuckerberg, CEO di Meta, ha mostrato le tecnologie per almeno quattro prototipi di visori VR su cui il marchio sta attualmente lavorando, che potrebbero tradursi in un prodotto di consumo entro la fine dell’anno. Gli sviluppi dovrebbero migliorare le specifiche attuali del visore Oculus Quest 2 e offrire un’anteprima di dove stanno andando le cose.

I quattro prototipi si concentrano su cose come la risoluzione di problemi relativi a risoluzione, profondità focale, distorsione ottica e HDR. È chiaro che ognuno di questi non è pensato per essere un prodotto autonomo, ma è invece un esperimento che ha come obiettivo tecnologie specifiche negli sviluppi, anche se Zuckerberg conclude il suo video con il prototipo HoloCake 2, che mette insieme queste tecnologie in un fattore di forma leggero che utilizza l’olografica visualizza.

A partire dalla prima demo, il prototipo “Butterscotch”, il focus è sulla risoluzione. Meta mira a soddisfare la visione 20/20 con il display dell’auricolare associato. L’idea è quella di consentire agli utenti di leggere le lettere più piccole su un diagramma di prova dell’occhio. La tecnologia prototipo per questo si chiama “risoluzione retinica”, ha detto Zuckerberg, che “significa alzarsi verso i 60 pixel per grado”.

La tecnologia Buttersotch VR di Meta.

Come osserva NotebookCheck, questo sarebbe 2,5 volte più denso di pixel nella metà del campo visivo rispetto all’attuale Quest 2. Il Quest 2 supporta la visione 20/60, in confronto.

Il prototipo della profondità focale mira a spiegare come gli occhi potrebbero allontanarsi dagli oggetti di messa a fuoco in VR. La tecnologia prototipo si chiama “Half Dome”, che utilizza il tracciamento oculare e l’ottica varifocale per fornire un maggiore senso di profondità da qualsiasi distanza. Zuckerberg osserva che, a differenza di un monitor tradizionale, “in VR e AR, devi essere in grado di concentrarti su cose che sono molto vicine e molto lontane da te”.

Zuckerberg ha anche osservato che la distorsione ottica è un problema che deve essere risolto e richiede una soluzione che sia “impercettibile all’occhio umano”.

Un prototipo di visore VR che supporta l'HDR.

Infine, con il prototipo HDR, Zuckerberg ha presentato “Starburst”, che chiama il primo sistema VR HDR conosciuto. Zuckerberg osserva che la natura è 10 o anche 100 volte più luminosa dei nostri moderni televisori e monitor, motivo per cui Meta ha costruito Starburst. Zuckerberg afferma che può raggiungere fino a 20.000 nits di luminosità.

Insieme agli altri prototipi, la tecnologia Starburst è inclusa nelle cuffie Holocake 2. Il visore è un prototipo funzionante che può “già riprodurre esperienze VR per PC”, ha affermato Zuckerberg.

Questi dettagli sono le prime notizie solide sull’hardware VR di Meta da ottobre, quando ha anticipato per la prima volta il prototipo di visione Butterscotch 20/20, Carica VR notato.

Voci di vecchia data hanno suggerito che Meta stia sviluppando un visore VR attualmente noto come “Progetto Cambria”. Le notizie sull’auricolare sono emerse l’anno scorso, ma è stato difficile definire esattamente quale funzione potrebbe avere il dispositivo, secondo Notebook Check.

Il prototipo di visore Holocake 2 VR di Meta.

L’analista Ming-Chi Kuo, ha suggerito che il visore potrebbe essere un modello Oculus Quest 2 Pro, indicando che potrebbe non essere incentrato sul gioco.

Meta in particolare non ha presentato alcun hardware al suo evento virtuale Quest Gaming Showcase 2022 ad aprile, tuttavia, ha commentato lo stato del metaverso e che è ancora un progetto in corso.

“Pensiamo che il metaverso si baserà su queste basi per diventare la prossima generazione di Internet e la prossima evoluzione della tecnologia sociale”, ha affermato Ruth Bram, produttrice esecutiva di Meta. “Sia l’hardware che il software richiedono più lavoro e potrebbero essere necessari dai cinque ai 10 anni per portarlo in vita completamente”.

Zuckerberg ha rilasciato una dichiarazione simile sullo sviluppo del prototipo della tecnologia VR di Meta. “C’è ancora molta strada da fare, ma sono entusiasta di portare tutta questa tecnologia nei nostri prodotti nei prossimi anni”, ha affermato.

Raccomandazioni degli editori






Leave a Reply

Your email address will not be published.