Le GPU della serie 40 di Nvidia potrebbero far saltare il coperchio dell’alimentatore

Per tutto il 2022, c’è stato un afflusso costante di rapporti relativi ai requisiti di alimentazione per le GPU Nvidia della serie RTX 40 di nuova generazione.

Pertanto, non dovrebbe sorprendere che le prossime schede possano essere dotate di un dispositivo di raffreddamento di riferimento a tripla ventola.

Jacob Roach / Tendenze digitali

La speculazione sui requisiti di alimentazione delle schede RTX 40 ha indicato che alcune unità raggiungono i 900 watt di potenza, il che suggerisce naturalmente che un alimentatore aggiornato sarà una necessità inevitabile per i consumatori.

A sostegno di questa ipotesi c’è una nuova fuga di notizie da Kopite7kimi, che è stato in prima linea nelle voci relative a RTX 40. Come riportato da VideoCardz, l’insider ha affermato che il Team Green ha apparentemente progettato un dispositivo di raffreddamento a tripla ventola per schede di riferimento alimentate da AD102.

È importante notare che le schede di riferimento di Nvidia di solito non superano i due fan. Ciò significa che le schede grafiche GeForce RTX 40 potrebbero di conseguenza funzionare a temperature più elevate rispetto ai loro predecessori e quindi richiedere invece un sistema di raffreddamento a tre ventole aggiornato.

Quindi, sembra che tutte le voci riguardanti i requisiti di alimentazione senza precedenti potrebbero essere effettivamente vere. Le imminenti carte di Nvidia potrebbero avvicinarsi al limite di assorbimento di potenza di 600 watt. E come accennato in precedenza, in alcuni casi, abbiamo persino sentito parlare di alcune unità che forniscono un’inedita potenza di 900 watt. Quindi non è del tutto fuori questione che l’affermazione di Kopite7kimi abbia un certo peso.

Naturalmente, se il suddetto rapporto si rivelerà corretto, assisteremo senza dubbio a un notevole salto di prestazioni. Caso in questione: secondo quanto riferito, la serie RTX 40 è impostata su più del doppio del numero di teraflop (TFLOPS) del 3090 Ti, che è già tra le GPU più potenti mai rilasciate.

AD102 è il die GPU che, secondo quanto riferito, alimenterà la gamma di prodotti RTX 4000, il che significa che potremmo benissimo vedere uno dei modelli di punta, l’RTX 4090 Ti, dotato di un dispositivo di raffreddamento di riferimento con tre ventole.

Il sistema di raffreddamento per un'unità GPU Nvidia RTX 3090 Ti personalizzata.
Un sistema di raffreddamento a tre ventole per una GPU Nvidia RTX 3090 Ti personalizzata. Fonte immagine: VideoCardz

VideoCardz evidenzia come quasi tutti i modelli RTX 3090 Ti personalizzati richiedano un dispositivo di raffreddamento a tripla ventola o soluzioni liquide ibride. Ad esempio, abbiamo visto come le varianti 3090 Ti prodotte da Colorful ed EVGA sono progettate con da 3,5 a 4 slot per ospitare il suo sistema di ventole di raffreddamento senza precedenti.

In ogni caso, VideoCardz sottolinea come Nvidia non abbia mai implementato una soluzione di raffreddamento a tripla ventola per nessuno dei suoi modelli di riferimento passati per GPU, né abbia integrato dissipatori a liquido.

Se Nvidia ha davvero deciso di adottare questo approccio di raffreddamento per la sua serie RTX 40, rispecchierà ciò che il suo rivale AMD ha fatto in passato per le proprie GPU: il Team Red ha già incorporato dissipatori a tripla ventola per alcune schede come la Radeon VII, oltre a progettare schede specifiche con una soluzione di raffreddamento a liquido come RX 6900XT LC e Fury X.

In definitiva, sia la RTX 4090 che la variante Ti saranno senza dubbio schede video assolutamente enormi. Il dissipatore di calore di raffreddamento dell’RTX 4090 che sarebbe stato trapelato mostra come queste unità richiederanno probabilmente case per PC specifiche abbastanza grandi da poterle installare.

In termini di data di lancio per la serie RTX 40, Kopite7kimi è ora d’accordo con le fonti di Wccftech che suggeriscono un lancio a ottobre rispetto all’introduzione di metà luglio.

Raccomandazioni degli editori






Leave a Reply

Your email address will not be published.