La domanda di GPU diminuisce mentre i prezzi continuano a scendere

Un nuovo rapporto di Jon Peddie Research conferma ciò che molti di noi hanno notato: la domanda di schede grafiche sta finalmente diminuendo e i prezzi stanno lentamente iniziando a normalizzarsi.

Nel primo trimestre del 2022, le spedizioni di GPU sono diminuite del 6,2% rispetto all’ultimo trimestre del 2021.

Asus

Jon Peddie Research prepara rapporti periodici sul numero di spedizioni di schede grafiche e processori, tra le altre cose. Durante l’ultimo anno, le notizie sono state tutte buone per i produttori, con incrementi quasi generalizzati. Questa volta, stiamo finalmente assistendo a una diminuzione delle spedizioni di GPU e questo include soluzioni grafiche integrate e discrete di Nvidia, AMD e Intel.

La scomposizione di questi numeri per riflettere le tariffe di ciascuna società rivela che Nvidia ha effettivamente registrato un piccolo aumento del 3,2% trimestre su trimestre, mentre AMD ha avuto un calo dell’1,5%. Il calo di Intel è stato il più significativo, poiché la società ha registrato un calo dell’8,7% rispetto al quarto trimestre del 2021.

Dato che la quota di Intel ammonta a PC e laptop prefabbricati, ciò implica che queste riduzioni delle spedizioni sono principalmente causate da un calo delle vendite di PC prefabbricati e la grafica discreta non è stata così influenzata. Nel quarto trimestre del 2022, Intel non aveva ancora un cavallo nella gara delle GPU discrete e, anche adesso, è ancora agli inizi.

I cambiamenti da un trimestre all’altro sono chiaramente visibili, ma lo sono anche i cambiamenti avvenuti nell’intero arco del 2021. Nel primo trimestre del 2021, Intel deteneva un’ampia quota del 68% del mercato delle GPU. Tieni presente che questo include grafica sia discreta che integrata e Intel fornisce molte GPU integrate nei suoi desktop e laptop. AMD deteneva una quota di mercato del 17%, che può essere in parte attribuita anche alla grafica integrata. Nvidia è riuscita a raggiungere solo il 15%, ma è tutta una grafica discreta.

Grafico delle spedizioni di GPU da Jon Peddie Research.
Jon Peddy ricerca

Confrontando il primo trimestre del 2021 con il primo trimestre del 2022 si ottengono spunti interessanti. La quota di Intel è scesa al 60%. Nel frattempo, Nvidia è riuscita a farsi strada fino al secondo posto, ottenendo una quota di mercato del 21% contro il 19% di AMD. Dato che Nvidia è l’unica azienda delle tre che si concentra esclusivamente su GPU discrete, questo significa che è stato un buon anno per il produttore in termini di vendite di schede grafiche discrete.

Nel primo trimestre del 2021, l’arena delle GPU discrete aveva solo due concorrenti: Nvidia con una quota di mercato dell’81% e AMD con il 19%. Naturalmente, ora è cambiato: Intel è entrata in battaglia con Arc Alchemist. Tuttavia, sebbene la società sia riuscita a conquistare una piccola percentuale della quota di mercato del trimestre precedente, non è grazie a Intel Arc, che non è arrivata sul mercato in quantità considerevoli prima della fine del trimestre (e oltre).

Allo stato attuale, il primo trimestre del 2022 si è concluso con Nvidia a una quota di mercato del 78%, AMD al 17% e Intel al 4%. È interessante notare che la quota di mercato che Intel è riuscita a conquistare è interamente grazie alla sua soluzione grafica DG1, che deve aver trovato la sua strada nei laptop di fascia bassa. I prossimi due trimestri potrebbero portare un aumento della quota di mercato per Intel, ma tutto dipende dalla disponibilità delle GPU Arc Alchemist, che sono state molto scarse.

Notizie come questa sembrano una boccata d’aria fresca dopo gli ultimi due anni. La carenza di GPU ha lasciato il mercato in uno stato piuttosto negativo, con una domanda di GPU molto maggiore di quella che la catena di approvvigionamento potrebbe mai sperare di coprire e, di conseguenza, prezzi alle stelle sulle schede disponibili. Se le tendenze che abbiamo osservato continuano, e probabilmente lo faranno, potremmo essere in grado di acquistare GPU a MSRP abbastanza presto.

Raccomandazioni degli editori






Leave a Reply

Your email address will not be published.