La BMW i7 completamente elettrica è un home theater su ruote

La BMW non è estranea ai veicoli elettrici. Ha lanciato l’eccentrica i3 hatchback nel 2014 e l’ha seguita più recentemente con i4 e iX. Ma ora la BMW sta rendendo elettrica la sua vettura di punta.

La BMW Serie 7 è la berlina più grande e opulenta della casa automobilistica e per l’anno modello 2023 riceve una riprogettazione che include una prima variante elettrica. La BMW i7 xDrive60 del 2023 (per usare il suo nome completo) inizierà a essere spedita nelle concessionarie statunitensi a novembre insieme ai modelli a benzina della Serie 7 (in seguito arriverà anche una versione ibrida).

Mentre tutti i modelli della Serie 7 ottengono uno stile nuovo e drammatico, un elaborato sistema di infotainment e un sistema di intrattenimento opzionale per i sedili posteriori, la decisione di BMW di lanciare una versione elettrica di un modello a benzina lo mette fuori passo con altri produttori di berline di fascia alta. Mercedes-Benz ha scelto di progettare la sua berlina EQS da zero piuttosto che realizzare una Classe S elettrica. L’i7 avrà un prezzo vicino a Lucid Air e Tesla Model S,

La BMW ha in arrivo la sua famiglia di veicoli elettrici appositamente costruiti. Soprannominato Neue Klasse (tedesco per “New Class”) in riferimento a una famiglia di modelli che ha salvato l’azienda negli anni ’60, non arriveranno fino al 2025. Quindi l’i7 è solo un segnaposto, o un degno EV a sé stante ?

Design

L’i7 condivide lo stile esterno con la Serie 7 a benzina, segnando un netto distacco dai precedenti modelli della Serie 7. In armonia con le recenti pratiche di progettazione BMW, l’i7 ottiene un’enorme griglia che sembra una bistecca a farfalla, con illuminazione disponibile.

La BMW sta anche cambiando le cose con elementi di illuminazione impilati che posizionano le luci di marcia diurna sopra i fari, non diversamente dalla disposizione che si ottiene su una Hyundai Kona. I modelli europei ottengono la tecnologia LED a matrice in grado di reindirizzare automaticamente gli abbaglianti lontano dalle auto in arrivo, ma questo non sarà disponibile negli Stati Uniti in attesa dell’attuazione delle nuove normative.

Passeggiando per l’i7 durante un’anteprima multimediale, la cosa che spiccava erano le dimensioni gigantesche dell’auto. È ancora una berlina con una posizione di seduta abbastanza bassa, ma ha comunque una circonferenza visiva considerevole. Il cofano è così alto che in realtà si trova sopra la griglia e il cofano del bagagliaio ha quello che sembra un doppio mento per nascondere la sua altezza. L’auto che abbiamo visto aveva ruote da 20 pollici, ma sembravano minuscole posizionate all’interno dell’enorme distesa di lamiera.

Come l’esterno, l’interno è un grande cambiamento rispetto alle precedenti iterazioni della Serie 7. Al posto del design conservativo del modello uscente c’è un cruscotto simile a una mensola sagomato per ospitare il nuovo display BMW curvo indipendente, elaborate griglie degli altoparlanti e illuminazione ambientale per abbinarsi alla rivale Mercedes Classe S. Anche il rivestimento del cruscotto, i comandi del sedile, il controller del sistema di infotainment e il cambio sono realizzati in un materiale cristallino che non sembrerebbe fuori posto sul set dell’originale Star Trek serie.

Lo schermo cinematografico della BMW i7 2023.

Tech

La caratteristica tecnologia dell’i7 non è per il guidatore. È il Theater Screen opzionale, un display 8K da 31,3 pollici che si ripiega dall’headliner, consentendo ai passeggeri dei sedili posteriori di guardare film e programmi televisivi o giocare a videogiochi ad alta velocità. I video vengono visualizzati in formato cinemascope 16:9, 21:9 o 32:9.

Sono inclusi anche Amazon Fire TV e un sistema audio surround Bowers & Wilkins Diamond, insieme a controller simili a smartphone nelle porte posteriori. L’integrazione di Netflix consentirà agli utenti di iniziare un film a casa e finirlo in macchina, ha affermato Pieter Nota, membro del consiglio di amministrazione di BMW North America per gli affari dei clienti, durante l’anteprima multimediale i7. Tuttavia, il Theater Screen probabilmente limiterà la visibilità posteriore e, con un prezzo previsto di $ 4.750, non sarà economico.

Davanti, il summenzionato display curvo BMW è costituito da un quadro strumenti da 12,3 pollici e da un touchscreen da 14,9 pollici sotto un unico pezzo di vetro. Il sistema di infotainment iDrive di BMW ritorna con il suo familiare controller rotativo, ma ottiene anche una nuova barra di interazione con touchpad per il controllo del clima e altre funzioni. L’i7 ottiene anche la connettività 5G e la capacità di aggiornamento over-the-air (OTA).

La BMW ha anche collaborato con il compositore premio Oscar Hans Zimmer su suoni distintivi attivati ​​quando il guidatore avvia l’auto o quando si passa da una modalità di guida all’altra.

L’i7 ottiene un lungo elenco di aiuti alla guida disponibili. La caratteristica principale è Highway Assistant, che fornisce ciò che BMW chiama guida a mani libere a velocità fino a 80 mph, sebbene richieda comunque ai conducenti di prestare attenzione ed essere pronti ad afferrare il volante. Altre caratteristiche includono l’avviso di collisione in avanti, l’avviso di uscita dalla corsia, l’assistenza al limite di velocità e una funzione di parcheggio automatizzato.

Vista interna della BMW i7 2023.

Specifiche

L’i7 viene lanciato con un propulsore a trazione integrale a doppio motore che produce 536 cavalli e 549 piedi per libbra di coppia. La BMW afferma che farà da zero a 60 mph in 4,5 secondi e la velocità massima è limitata elettronicamente a 149 mph.

Queste specifiche sono abbastanza vicine al 760i xDrive, il più potente dei due modelli a benzina della Serie 7 che saranno disponibili al lancio. Il V8 biturbo da 4,4 litri di questo modello produce una potenza identica all’i7, ma con 553 Nm di coppia. BMW cita anche un tempo da zero a 60 mph leggermente più veloce di 4,2 secondi.

La BMW non si ferma qui, però. In una tavola rotonda sui media, il presidente Oliver Zipse ha confermato che la casa automobilistica lancerà anche una versione M Performance dell’i7, aggiungendo che sarà il modello della Serie 7 più potente.

La BMW punta anche a 300 miglia di autonomia per l’i7. La grande berlina sarà in grado di caricare fino a 11 kilowatt utilizzando un caricabatterie CA e 195 kilowatt utilizzando la ricarica rapida CC, con quest’ultima che aggiungerà 80 miglia di autonomia in 10 minuti. I proprietari riceveranno anche tre anni di ricarica rapida CC gratuita da Electrify America.

Vista di profilo della BMW i7 2023.

Prezzi e rivali

“Non vogliamo che i clienti scendano a compromessi passando da un veicolo all’altro”, ha detto Zipse a Digital Trends in merito alla motivazione per realizzare una versione elettrica di un’auto a benzina piuttosto che un veicolo elettrico pulito. “Hanno una Serie 7 in entrambi i casi.”

La Serie 7 del 2023 potrebbe essere ben posizionata contro rivali tradizionali come Mercedes Classe S, Audi A8 e Lexus LS, ma l’i7 potrebbe non essere all’altezza della concorrenza elettrica.

Una gamma di 300 miglia è adeguata, ma ciò pone l’i7 molto indietro rispetto a Lucid Air da 516 miglia, Tesla Model S da 405 miglia e Mercedes EQS da 350 miglia. Inoltre, non è chiaro se gli acquirenti di veicoli elettrici vorranno un’auto che assomigli a un consumatore di gas vecchio stile, completo di un cofano allungato progettato per ospitare un motore V8.

Rendendo la i7 così simile alla Serie 7 a benzina, la BMW potrebbe anche aver accatastato il mazzo contro di essa. Fino all’arrivo della versione M Performance, l’i7 può eguagliare solo il fratello in termini di prestazioni richiedendo un prezzo maggiorato. Il prezzo per il modello i7 xDrive60 parte da $ 120.295, rispetto a $ 114.595 per la benzina 760i xDrive. La BMW sta anche costruendo un modello 740i a sei cilindri meno potente a partire da $ 94.295.

Quindi è possibile che molti clienti scelgano i modelli a benzina più economici, che inoltre non hanno il mal di testa della ricarica. La Serie 7 è un’auto impressionante, ma l’i7 non sembra pronta ad attirare nuovi acquirenti di veicoli elettrici.

Raccomandazioni degli editori






Leave a Reply

Your email address will not be published.