I migliori personaggi Pixar di sempre (finora)

I film Pixar sono ampiamente considerati come alcuni dei migliori che l’animazione ha da offrire, e questo perché sono la perfetta combinazione di costruzione del mondo, trama intelligente e narrazione significativa. È per questo che sono costantemente alcuni dei film Disney più popolari e amati e perché sono tra i film più recensiti ogni anno.

Tra queste grandi storie, però, c’è anche un elenco di grandi personaggi che spesso non ottengono il merito che meritano. Questi personaggi sono i migliori che la Pixar abbia mai prodotto e abbracciano la storia dello studio, dal 1995 ai giorni nostri.

Modalità Edna (Gli Incredibili)

Tutto ciò che dice la costumista dei supereroi Edna Mode è tagliente e meraviglioso, ma forse la cosa più divertente di lei è che è doppiata dal regista Brad Bird, che ha capito che la sua voce era tutto ciò di cui avevano bisogno per realizzare la parte. Edna non è il personaggio più commovente in un film della Pixar, ma è meravigliosa proprio perché taglia tutte le stronzate e arriva al cuore di ciò che conta per lei.

Disegna anche supertute davvero eccellenti e lo sa. Edna potrebbe non avere alcun superpotere, ma dimostra costantemente di essere la persona più cool dell’universo di Gli incredibili.

Carl Frederickson (in alto)

Carl Frederickson guarda in alto con un uccello appoggiato sulla testa in Up (2009).

Fin dai primi minuti di Su, sappiamo che Carl Frederickson non ha avuto le avventure che voleva avere. Il resto del film presenta Carl (doppiato da Ed Asner) che tenta di vivere il sogno che non è mai riuscito a perseguire in gioventù, solo per scoprire che la sua vita era piena di ricordi meravigliosi che accompagnano ogni tragedia.

Su è forse la Pixar nella sua forma più silenziosamente profonda, e mentre alcuni degli elementi della trama sono un po’ dimenticabili, Carl è tutt’altro che. È un burbero dal cuore d’oro, ma è anche molto di più. È un uomo che deve imparare ad apprezzare la meraviglia della vita che ha condotto.

Parete-E (parete-E)

Wall-E in Wall-E.
Pixar

In virtù di come è progettato questo film, Wall-E non dice molto. Nonostante il suo silenzio, però, è facile sentirsi come se conoscessi intimamente Wall-E. Ama guardare i vecchi musical, si diverte a sperimentare cose nuove e a volte si spaventa.

In un universo pieno di adorabili personaggi, Wall-E potrebbe essere in cima alla pila. È solo un semplice droide delle pulizie che si innamora di un sofisticato droide scanner e finisce in un’avventura che non avrebbe mai voluto continuare. Wall-E rimane un limite di ciò che la Pixar può fare, e parte di ciò è dovuto a quanto sforzo viene messo nel personaggio principale.

Woody (Toy Story 1-4)

Woody sorridente in Toy Story 4.

Prima che qualcuno sapesse qualcosa della Pixar, il due volte premio Oscar Tom Hanks era già a bordo. Interpretando Woody, il cowboy giocattolo parlante, Hanks ha creato un personaggio abbastanza pungente che è sempre perfettamente comprensibile, anche se non sempre ti piace. Woody trascorre il primo film temendo di essere sostituito, e ogni film successivo del franchise parla di cosa significa avere uno scopo. Il franchise di Toy Story continua a trovare nuovi modi per innovare e ha successo perché Woody rimane un grande personaggio, anche se non sempre le sue scelte ti piacciono.

Bing Bong (al rovescio)

Bing Bong guarda Gioia e Tristezza in Inside Out.

L’amico immaginario che Reilly ha perso secoli fa, Bing Bong è l’elemento più sciocco e profondo di Alla rovescia. In una storia che si svolge principalmente all’interno del cervello di una ragazza, il peggior destino che puoi incontrare è quello di essere dimenticato, ed è proprio quello che succede a Bing Bong, mentre lo vediamo svanire e uscire dalla mente invecchiata di Reilly. In una storia su cosa significa invecchiare e abbracciare emozioni complesse, la scomparsa di Bing Bong ci ricorda chiaramente che crescere, con tutte le sue qualità liberatorie, può anche essere una sorta di tragedia.

Pete puzzolente (Toy Story 2)

Pete puzzolente in una scatola in Toy Story 2.

In quasi tutti i sensi, Stinky Pete è l’antitesi di Woody. È un giocattolo così spaventato di essere lasciato indietro che diventa determinato a farsi spedire in un museo dove si sentirà sempre importante. Il viaggio di Woody Toy Story 2 gli permette di rendersi conto che è meglio essere amati e scartati che non essere amati affatto.

Pete puzzolente è il migliore Toy Story cattivo perché le sue motivazioni sono così facili da capire. Vuole essere amato e, sebbene possa essere ancora un giocattolo, anche questo lo fa sentire profondamente umano.

Colette Tatou (Ratatouille)

Colette Tatou tiene un cucchiaio di legno in Ratatouille.

Una giovane cuoca che ha un’abilità più naturale nel suo mignolo che Linguini ha in tutta la sua struttura esile, Colette Tatou è una straordinaria dal momento in cui la incontriamo in Ratatouille. Ciò che le è valso un posto in questa lista, tuttavia, è che le sue passioni per le Linguini sono in definitiva secondarie alla sua ammirazione per il topo che usava il suo corpo come un burattino di carne.

Vuole lavorare con i migliori chef del mondo e, per quanto possa essere difficile per lei ammetterlo, Remy il topo è uno di quei grandi cuochi. Torna ad aiutare non per Linguini, ma per un topo, ed è sciocca per quanto possa sembrare, è anche piuttosto bella.

Dory (Alla ricerca di Nemo e Alla ricerca di Dory)

Dory in Alla ricerca di Nemo.
Pixar Animation Studios

L’opinione pubblica su Ellen DeGeneres è decisamente più contrastata rispetto a 20 anni fa, ma Dory rimane uno dei personaggi più dolci che la Pixar abbia mai immaginato. Un pesce azzurro che soffre di perdita di memoria a breve termine, Alla ricerca di Nemo trova il perfetto equilibrio tra commedia e pathos genuino per il personaggio e, alla fine del film, vediamo esattamente quanto sia orribile per Dory vivere con la sua condizione. Nonostante le sue difficoltà, però, Dory è costantemente il personaggio più aperto e ottimista del film. È lei che vuole fidarsi e alla fine del film convince anche Marlon ad aprirsi un po’.

Ming Lee (diventando rosso)

Ming Lee sembra preoccupato in Turning Red (2022)

Diventando rosso è uno dei film più recenti della Pixar, ma la materna Ming Lee di Sandra Oh si è già affermata come un grande personaggio Pixar di tutti i tempi. Ming è una madre protettiva, non disposta a permettere che sua figlia sia soggetta a qualsiasi pericolo o addirittura a fare le proprie scelte.

La trama del film, che presenta una giovane ragazza che si trasforma in un panda rosso gigante quando diventa troppo emotiva, è una brillante metafora della pubertà, ma è Ming Lee che diventa il nucleo emotivo del film. È una donna ferita che cerca di fare del bene a sua figlia e che si ritrova incapace di evitare gli errori che sua madre ha fatto con lei.

Luca (Luca)

Luca completamente trasformato ad eccezione della sua mano in Luca (2021).

Il personaggio principale di Pixar Luca potrebbe non essere una scelta ovvia per questa lista, ma parte del fascino del film è che passa così tanto tempo a sviluppare i suoi personaggi principali. Luca è solo un ragazzino pesce che scopre che vale la pena perseguire la vita sulla terraferma e deve adeguare i suoi piani per il resto della sua vita di conseguenza.

È una storia straordinariamente semplice, ma permette a Luca di sentirsi veramente tridimensionale. È un ragazzo curioso che fa un paio di nuovi amici e alla fine decide di non volere le stesse cose del ragazzo che ha imparato ad amare e di cui si prende cura profondamente. È ciò che conta crescere.

Raccomandazioni degli editori






Leave a Reply

Your email address will not be published.