Google Screencast ripensa le registrazioni dello schermo sui Chromebook

Google vuole che tu riconsideri il modo in cui esegui le registrazioni dello schermo sul tuo Chromebook, soprattutto quando si tratta di scenari scolastici e didattici.

In ChromeOS 103 è disponibile una nuova app di sistema nota come Screencast, che può portare ciò che registri sullo schermo a un livello più nuovo e interattivo in più di un modo.

Abbiamo utilizzato la funzione nel canale Canary di ChromeOS prima del lancio e abbiamo anche parlato con Andy Russell, Group Product Manager di Google, di Screencast e di come può aiutare gli studenti a raggiungere il loro pieno potenziale.

Diverso dagli altri registratori integrati

Arif Bacco/ Tendenze digitali

Probabilmente hai familiarità con gli strumenti di registrazione dello schermo esistenti in ChromeOS. Colpire il Ctrl, Alte Finestra pulsanti sulla tastiera e seleziona ciò che desideri registrare. Puoi quindi condividere quella registrazione caricandola manualmente su un servizio cloud, come Google Drive.

Il nuovo strumento Screencast fa un salto di qualità. È progettato per registrazioni dello schermo più lunghe di demo di software, lezioni, demo di giochi e molto altro.

Screencast fa tre nuove cose fondamentali che probabilmente in precedenza richiedevano un’app di terze parti (o più app) da fare su un Chromebook. Insieme alla solita registrazione video, ti registrerà tramite il feed della tua webcam. Ti consente anche di annotare sullo schermo durante la registrazione e persino di trascrivere ciò che sta accadendo per te. Questa è la magia che Google sta cercando.

Screencast aperto su ChromeOS.
Arif Bacco/ Tendenze digitali

“Volevamo creare uno strumento che fosse davvero facile per gli studenti essere in grado di catturare e condividere le loro idee e fornire un modo molto estemporaneo e autentico per gli studenti di mostrare il loro lavoro, catturare le loro idee e inviarle all’insegnante”, ha detto Russell in un’intervista a Digital Trends.

Eppure, c’è un’altra parte nell’app Screencast. L’app caricherà automaticamente la tua registrazione su Google Drive per una facile condivisione. Ciò garantisce che la tua registrazione venga inviata alle persone che ne hanno bisogno o nel posto giusto per la pubblicazione. C’è anche una parte di editing, di cui parleremo più avanti.

Semplice, facile da usare

Usando Screencast
Arif Bacco/ Tendenze digitali

Ti starai chiedendo come funziona Screencast. A differenza degli strumenti comunemente usati su altri sistemi operativi (come il registratore dello schermo QuickTime in MacOS o Xbox Game Bar in Windows), Google voleva semplificarti la vita. Per utilizzare Screencast, apri l’app (attualmente è chiamata Projector nel canale ChromeOS Canary) e fai clic o trascina per iniziare la registrazione.

Puoi quindi fare clic sull’icona della penna nella barra delle applicazioni per aggiungere inchiostro e annotare sullo schermo per mostrare ciò su cui stai lavorando. Sarai anche in grado di trascinare il feed della tua webcam in diverse parti dello schermo come meglio credi per non intralciare la tua registrazione. Dopo poco tempo, così come al termine della registrazione, questa verrà elaborata e caricata automaticamente su Google Drive.

Condivisione di uno Screencast su Google Drive.
Arif Bacco/ Tendenze digitali

“Il nostro obiettivo è assolutamente quello di rendere estremamente accessibile, davvero veloce e facile la creazione di contenuti [and] … per condividere i contenuti e per visualizzarli”, ha affermato Russell.

L’altra cosa interessante di Screencast è la funzione di trascrizione. Con esso, otterrai una lettura di ciò che hai detto durante la registrazione effettiva. Questo è un punto di svolta per studenti, insegnanti e genitori.

Puoi persino modificare

Modifica di una trascrizione in Screencast
Arif Bacco/ Tendenze digitali

Quella funzione di trascrizione può aiutarti a navigare in una registrazione dello schermo in formato lungo. Vedrai una lettura di tutto ciò che è stato detto durante la registrazione e puoi scorrere il testo per far saltare l’app fino a quel punto del video. Fondamentalmente funziona in modo molto simile all’app Registratore di Google sui telefoni Pixel.

Per insegnanti, studenti o genitori, questa funzione potrebbe significare saltare 20 minuti della registrazione dello schermo di una lezione per arrivare a un momento particolare in una sessione specifica. E, per coloro che parlano più lingue, potrai anche tradurre la trascrizione in una lingua straniera per la condivisione. Basta fare clic sul menu a discesa e modificare la trascrizione in qualsiasi lingua desideri.

Modifica di una trascrizione in Screenchat su Chromebook.
Arif Bacco/ Tendenze digitali

La trascrizione ti consente anche di ridurre le registrazioni dello schermo. Anche se Google ci dice che Screencast non è un editor video completo, ti consentirà di effettuare una registrazione lunga e ridurla semplicemente facendo clic su un passaggio. Ciò estrarrà quella parte specifica del video in modo che, una volta condivisa, la salterà sopra in una registrazione finale.

“Catturare contenuti, utilizzare una fotocamera e quindi modificare tali contenuti utilizzando un editor video. Ci vuole molto tempo e molto know-how, soprattutto per alcuni dei nostri utenti più giovani. Non sono ancora arrivati”, ha detto Russell.

Ispirato dalle esigenze degli studenti

Un disegno di Chromebook nelle scuole.
Google

Google è noto per risolvere i problemi con i suoi prodotti, quindi eravamo curiosi di sapere perché Screencast uscirà. Per Russell, arriva in un momento in cui il video gioca un ruolo importante in classe e si riferisce ai Chromebook in generale.

Ci dice che Google ha assistito a un cambiamento negli ultimi anni in cui gli insegnanti insegnano dai loro computer e dove gli studenti portano i loro computer da e verso la scuola. Si applica anche ai genitori, quando un tutore vuole vedere cosa ha imparato esattamente il figlio in classe o anche una registrazione di esso. Screencast si adatta a questo.

“È un’opportunità straordinaria per noi essere in grado di registrare le istruzioni dell’insegnante in tempo reale mentre insegnano e danno lezioni in classe. Gli studenti potranno tornare indietro e ripetere quella lezione”, ci ha detto Russell.

I miglioramenti potrebbero arrivare presto

Un disegno di un Chromebook su una scrivania.
Google

Screencast sarà integrato in ChromeOS, quindi la nostra conversazione con Google si è conclusa con una chiacchierata sui potenziali usi di Screencast oltre l’istruzione. Abbiamo chiesto come podcaster, creatori di contenuti o giocatori potrebbero voler utilizzare Screencast. Dopotutto, l’app può registrare un feed della webcam e farti notare le cose sullo schermo.

“Ci auguriamo che ci siano molti altri casi d’uso che sono in qualche modo al di fuori dello spazio educativo di base. E, sai, incrociamo le dita. Amo sempre questa fase del lancio di un prodotto perché siamo molto fiduciosi”, ha affermato Russell.

Russel ha continuato spiegandoci che Screencast utilizza due API. Uno è la conversione da voce a testo e l’altro è la registrazione dello schermo. Entrambi sono esclusivi delle app di sistema Chrome OS e Russell non è stato in grado di approfondire ciò che Google prevede di fare con loro in futuro. Eppure ha detto che il team lavora costantemente su nuove funzionalità e miglioramenti.

“Questa è la cosa bella di Chrome OS, il nostro team lavora costantemente non solo su nuove funzionalità per il sistema operativo, ma anche su miglioramenti. Alcuni di questi sono piccoli aggiustamenti che vedrai in 105 o 106 versioni future del sistema operativo proprio dietro l’angolo. Quindi, sì, stiamo assolutamente iterando su questo”, ha aggiunto Russell.

Una delle tante funzionalità incentrate sull’istruzione

Dirigendosi verso il futuro, Google sta pianificando diverse funzionalità per gli utenti dell’istruzione, proprio come Screencast. Una nuova modalità di moderatore del cast per determinati Chromebook con Google TV aiuterà insegnanti e studenti a condividere in modalità wireless gli schermi dei Chromebook su un display di classe.

Altre nuove funzionalità includono i set di esercizi per Google Classroom e nuove integrazioni e strumenti per migliorare le attività quotidiane degli insegnanti e aiutare gli studenti ad accrescere le proprie competenze. Google Meet sta anche ottenendo funzionalità per l’istruzione, come la trascrizione delle chiamate in Google Documenti, Picture in Picture, nuovi sondaggi e domande e risposte e lo streaming live su YouTube.

Raccomandazioni degli editori






Leave a Reply

Your email address will not be published.