Google Assistant per dimenticare i suoi promemoria basati sulla posizione

L’Assistente Google ha perso funzionalità negli ultimi mesi e altri due si stanno preparando per essere tagliati in silenzio. I promemoria assegnabili e i promemoria basati sulla posizione cadranno “presto” secondo la pagina di supporto dell’Assistente Google. Questo potrebbe essere un cambiamento difficile per le persone che si sono affidate alle funzionalità da quando sono state introdotte nel 2019.

I promemoria assegnabili sono un ottimo modo per dividere le attività tra gruppi di persone poiché hanno ridotto il numero di incarichi e notifiche che le persone hanno ricevuto quando collaborano con altri. Inoltre, i promemoria basati sulla posizione offrivano un tipo di aiuto simile, ma invece di assegnare semplicemente ogni notifica a una singola persona, consentivano a tutti in un’area specifica di condividere le attività. Ora, entrambe le funzionalità verranno tagliate in una data futura non specificata.

Google ci assicura che sarai ancora in grado di assegnare promemoria individuali in Google Chat e Gmail, ma la funzione verrà rimossa in Assistant. Allo stesso modo, avrai ancora la possibilità di impostare le routine per una posizione, ma non i promemoria per quelle in quel luogo specifico.

Google taglia altre funzionalità

Ciò arriva a seguito di un taglio precedente alla funzione Snapshot dell’Assistente Google, che era un’applicazione molto più nascosta rispetto ai promemoria assegnabili e ai promemoria basati sulla posizione. Sebbene le motivazioni alla base dei tagli delle funzionalità non siano attualmente chiare, sono in linea con le precedenti azioni di Google. La società sembra pronta a tagliare app, funzionalità e tecnologia a cui non è attualmente interessata, quindi sembrerebbe che le modifiche all’Assistente Google rientrino semplicemente nella casella “Fatto con” di Google.

Alcune speculazioni hanno fatto il giro di Internet sul fatto che Google potrebbe prepararsi a rilasciare un nuovo tipo di software di assistente virtuale che spiegherebbe il supporto incoerente per Assistant. Sebbene ciò sia possibile, la società ha continuato il supporto dell’assistente in altre aree e se si fosse preparata a rilasciare qualcosa di nuovo, Google l’avrebbe probabilmente condiviso alla recente conferenza I/O di Google.

Tutti i segnali indicano che questa è semplicemente una funzionalità che Google non ritiene più necessario supportare. Coloro che utilizzano ancora i promemoria dei compiti non verranno ancora interrotti, anche se Google fornisce un vago “presto” come sequenza temporale per quando l’assistente smetterà di supportare le funzionalità.

Raccomandazioni degli editori






Leave a Reply

Your email address will not be published.