Elon Musk punta sul 2024 per il robotaxi Tesla prodotto in serie

Tesla punta a produrre in serie un robotaxi entro il 2024, ha rivelato mercoledì il CEO Elon Musk durante una chiamata sugli utili con gli investitori, poiché la società ha riportato dati trimestrali migliori del previsto.

Il robotaxi dedicato presenterà un design “futuristico” e sarà privo di volante o pedali, ha affermato Musk, aggiungendo che il veicolo, che si baserebbe sull’attuale tecnologia di guida autonoma della casa automobilistica, potrebbe essere “un enorme motore della crescita di Tesla”.

Consapevole che il prezzo elevato delle auto Tesla le mette fuori dalla portata di molte persone, Musk ha suggerito che potrebbe essere lanciato un servizio di robotaxi che offrisse “il più basso costo per miglio di trasporto che abbiano mai sperimentato”.

Scaldandosi sul suo tema, ha aggiunto che, secondo le proiezioni della compagnia, “sembrerebbe che una corsa in robotaxi costerà meno di un biglietto dell’autobus, di un biglietto dell’autobus sovvenzionato o di un biglietto della metropolitana sovvenzionato”.

Musk ha già parlato del suo interesse per la costruzione di un robotaxi, ma questa è stata la sua affermazione più chiara su un progetto del genere.

Tuttavia, la data obiettivo del 2024 del CEO è tipicamente ambiziosa e, come molte delle sue previsioni, potrebbe benissimo slittare. Dopotutto, Tesla offre solo due anni per testare e produrre in serie il veicolo autonomo. Ottenere il via libera dalle autorità di regolamentazione statali sarà anche una grande sfida per il lancio di un servizio robotaxi completo in modo tempestivo.

Tuttavia, la dichiarazione di Musk offre un’idea di dove sta pensando di portare Tesla nei prossimi anni, ed è un colpo oltre la prua di altri grandi giocatori che osservano i servizi di robotaxi, tra cui Waymo di proprietà di Alphabet e Cruise di proprietà di GM.

Waymo, leader nella tecnologia di guida autonoma, ha testato i servizi robotaxi in diversi stati dal 2018, anche se le sue auto sono dotate di comandi manuali e spesso includono un autista di sicurezza. Ma di recente ha collaborato con la casa automobilistica cinese Geely per costruire un minivan completamente elettrico a guida autonoma che viene fornito senza volante e pedali. E all’inizio del 2020, Cruise ha presentato un prototipo di veicolo chiamato Origin che ha anche abbandonato i controlli manuali.

Rispondendo a una domanda di follow-up sul piano per costruire un robotaxi per i servizi di ridesharing, Musk ha offerto alcuni dettagli, ma ha affermato che Tesla potrebbe organizzare un evento l’anno prossimo per rivelare di più sul progetto.

La notizia del crescente interesse di Tesla per i servizi di ridesharing che utilizzano auto a guida autonoma è arrivata lo stesso giorno in cui la casa automobilistica ha registrato un fatturato di 18,8 miliardi di dollari per il periodo di tre mesi terminato il 31 marzo, segnando un aumento dell’81% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Ha anche registrato un profitto trimestrale record di $ 3,3 miliardi, in aumento rispetto a $ 438 milioni di un anno fa, e ha consegnato un record di 310.048 veicoli durante il trimestre.

Raccomandazioni degli editori






Leave a Reply

Your email address will not be published.