Ecco come MacOS Ventura di Apple rende USB-C molto più sicuro

Apple ha annunciato l’imminente MacOS Ventura durante il recente WWDC 2022. Offre molte funzionalità divertenti, ma una delle cose che è andata un po’ sotto il radar è il fatto che Apple ha migliorato la sicurezza delle connessioni USB-C e Thunderbolt.

Sui Mac che funzionano su silicio Apple e avranno installato MacOS Ventura, gli accessori USB-C e Thunderbolt richiederanno l’autorizzazione dell’utente prima che possano comunicare con il dispositivo.

Questa modifica è stata annunciata senza troppa clamore nelle note di rilascio della beta per MacOS 13 Ventura. Apple chiama la nuova funzionalità “sicurezza degli accessori” e il nome sembra accurato, dato che impedirà agli accessori indesiderati di accedere al Mac senza il permesso esplicito dell’utente. La modifica si applicherà, finora, solo ai Mac portatili con silicio Apple.

A partire dal rilascio di MacOS Ventura, quando colleghi un accessorio USB o Thunderbolt, dovrai prima concedergli l’autorizzazione per consentirgli di comunicare. Ci sono alcune eccezioni: gli adattatori di alimentazione, i display autonomi e le connessioni precedentemente approvate non richiederanno un’ulteriore conferma prima di funzionare come previsto. Come funzionerà esattamente questa funzione?

Sebbene i dispositivi continueranno a caricarsi anche se non autorizzati, il trasferimento dei dati e usi simili saranno vietati fino a quando l’utente non li accetta. Una volta che un dispositivo è stato approvato come sicuro, può connettersi a un Mac bloccato per un massimo di tre giorni prima che sia necessario approvarlo nuovamente. Apple intende rendere questa la nuova impostazione predefinita: la configurazione di sicurezza iniziale sarà sempre “Chiedi nuovi accessori”.

Se ti capita di collegare un accessorio durante o prima dell’aggiornamento a MacOS Ventura, continuerà a funzionare senza alcuna modifica anche mentre aggiorni il tuo sistema. Tuttavia, gli accessori non verranno ricordati fino a quando non li colleghi a un Mac sbloccato e aggiornato e non concedi loro l’autorizzazione completa.

MacBook Pro 13 pollici M2
Mela

Anche se questo può sembrare un piccolo cambiamento, è sicuramente un passo verso una maggiore sicurezza per gli utenti Mac. Sicuramente sembra un po’ un ritorno al passato di GrayKey, un dispositivo venduto alle forze dell’ordine allo scopo di sbloccare gli iPhone. Il dispositivo, sebbene scandalosamente costoso, era in grado di sbloccare quasi tutti gli iPhone, fino a quando Apple non ha iniziato a lanciargli vari aggiornamenti per proteggere i suoi utenti.

GrayKey, quando connesso a un iPhone bloccato per circa due minuti, ha fatto la sua magia e poi è stato disconnesso. Un paio d’ore dopo, il telefono visualizzerebbe il passcode su uno schermo nero insieme a informazioni aggiuntive. A volte, l’estrazione ha richiesto molto più tempo: Malwarebytes ha affermato che potrebbero essere necessari fino a tre giorni. Per le forze dell’ordine, un dispositivo del genere è stato senza dubbio molto utile, ma ha anche lasciato molto potenziale per un uso improprio se fosse finito nelle mani sbagliate. Il nuovo aggiornamento di MacOS Ventura di Apple previene ulteriormente una situazione del genere.

MacOS Ventura uscirà in autunno e sarà disponibile nella sua versione beta a luglio. Oltre alla sicurezza degli accessori, il nuovo aggiornamento porterà una serie di funzioni divertenti, come Stage Manager, Continuity Camera e un aggiornamento all’app Mail.

Raccomandazioni degli editori






Leave a Reply

Your email address will not be published.