Contro ogni previsione, il cryptomining su GPU Nvidia è tornato di nuovo

Nonostante i recenti tentativi di Nvidia di limitare il mining di criptovalute sulle sue schede grafiche GeForce RTX serie 30, venditori e produttori di GPU hanno trovato una soluzione alternativa: riproporre le schede mobili in versioni desktop personalizzate.

Tali schede grafiche riproposte offrono la piena potenza di mining di una GPU Nvidia mobile, ma possono essere utilizzate al di fuori di un laptop, in una tipica configurazione di mining.

“RTX 3070M” pratico carta 🤣🤣https://t.co/ouCgCxvlwQ pic.twitter.com/Hhk9i026Fa

— I_Leak_VN (@I_Leak_VN) 26 maggio 2022

Il mining di criptovalute sembra un po’ come una storia senza fine: non appena Nvidia escogita un modo per farla finita, qualcuno, da qualche parte, troverà una soluzione alternativa. Come forse saprai, le schede grafiche della serie RTX 30 di Nvidia sono dotate di un limitatore Lite Hash Rate (LHR), che, in teoria, dovrebbe renderle inefficaci per il mining di criptovalute. Comunque sia, gli appassionati di mining hanno trovato il modo di rendere le GPU efficienti nel mining.

Le prime soluzioni alternative hanno sbloccato fino al 70% della potenza di mining pre-LHR della carta e, recentemente, è uscito un nuovo metodo che ha sbloccato l’intero 100%. Non molto tempo dopo, Nvidia ha nuovamente represso l’attività mineraria e ha introdotto un nuovo driver (512.95) che ha disabilitato completamente il bypass LHR. Per farla breve, l’installazione del driver comporta il ripristino della GPU alla sua potenza di mining precedente, limitata al 70%.

Non si può dire quanto tempo ci vorrà prima che le capacità di mining vengano ripristinate al 100% questa volta, ma i miner possono semplicemente scegliere di non installare i nuovi driver e continuare. Tuttavia, per coloro che non vogliono limitarsi, i produttori cinesi hanno avuto una nuova idea: trasformare le schede grafiche Nvidia solo per laptop in GPU desktop complete.

È importante notare qui che le schede Nvidia mobili non sono basate sul design LHR che conosciamo dalle versioni desktop, il che significa che il recente aggiornamento del driver di Nvidia non le influirà. Tuttavia, il mining di criptovalute su un laptop non è neanche lontanamente praticabile come su un desktop o una mining farm, motivo per cui queste schede personalizzate vengono realizzate in primo luogo.

Sulla carta, l’intero processo sembra davvero semplice. I produttori estraggono semplicemente una GPU per mobilità Nvidia e la mettono su un PCB di livello desktop con un dispositivo di raffreddamento collegato. A differenza delle tradizionali schede di mining, sono dotate di output di visualizzazione e possono essere utilizzate anche per altri scopi, come il gioco, una volta terminato il loro mandato di mining.

Getty Images

Tieni presente, tuttavia, che le versioni per la mobilità delle GPU di Nvidia non saranno potenti come le loro controparti desktop. Ancora più importante, anche se alla fine potrebbero arrivare al mercato dell’usato, è meglio investire in una nuova carta creata per desktop e che non ha passato innumerevoli ore a estrarre criptovalute.

Wccftech è stata la prima a individuare queste GPU dopo che I_Leak_VN su Twitter ha pubblicato alcune immagini su di esse. Come calcola la pubblicazione, una GPU per laptop Nvidia GeForce RTX 3070M offrirà prestazioni di mining di criptovalute di circa 65 MH/s in Ethereum, sommando fino a un massimo di $ 1,30 al giorno di guadagni.

Dato che il mercato delle criptovalute nel suo insieme sta lottando in questo momento e che i prezzi delle GPU stanno finalmente scendendo, rendere queste schede grafiche sembra abbastanza inutile. Tuttavia, ci sarà senza dubbio una certa domanda tra coloro che vogliono continuare a minare senza limitazioni.

Raccomandazioni degli editori






Leave a Reply

Your email address will not be published.