Come ottenere Dolby Atmos su Netflix

Se hai passato del tempo a cercare o acquistare prodotti per l’home theater, che si tratti di TV, soundbar o sistemi audio surround completi, è probabile che tu abbia familiarità con la frase “Dolby Atmos”. Introdotto nel 2012, Dolby Atmos è uno dei formati audio surround più coinvolgenti oggi disponibili.

La tecnologia di consumo ha una propensione a anteporre l’hardware al software e il mondo dei dispositivi home theater da tana del coniglio non fa eccezione a questa regola. (Puoi acquistare una TV 8K, ma cosa puoi guardarci sopra?) Detto questo, vari settori A/V hanno fatto bene per stare al passo con lo standard Atmos. Al momento puoi provare Dolby Atmos con Blu-ray selezionati e attraverso una serie di piattaforme di streaming, tra cui Amazon Prime Video, Disney+, HBO Max e, sì, Netflix.

Questo ci porta al fulcro di questo pezzo: come provare l’audio surround Dolby Atmos tramite Netflix. La versione breve è che dovrai pagare per il piano di streaming Netflix più costoso se vuoi Atmos.

Prima di iniziare, tuttavia, analizziamo un po’ di più Atmos per comprendere al meglio gli elementi costitutivi di cui avrai bisogno per ottenere il suono di Atmos.

Cos’è Dolby Atmos?

Abbiamo già trattato in dettaglio questo rivoluzionario codec audio, ma vale sicuramente la pena rivedere i fondamenti.

Prima di Dolby Atmos, i tradizionali layout del suono surround erano più comunemente designati come sistemi 5.1 e 7.1. In una disposizione 5.1, l'”home theater” è composto da tre altoparlanti anteriori, denominati canali sinistro, destro e centrale. Due altoparlanti posteriori (canali sinistro e destro) completano la famiglia di altoparlanti direzionali, con un subwoofer che completa la messa in scena del suono per le frequenze più basse (il .1 in 5.1).

Il tradizionale layout del suono surround 5.1.

In una disposizione 7.1, manteniamo lo stesso layout di altoparlanti e subwoofer e aggiungiamo altri due canali all’array. Questi due altoparlanti aggiuntivi possono essere utilizzati come altoparlanti “surround” laterali o come canali “di altezza” aggiuntivi posizionati sopra i due altoparlanti anteriori.

Un sistema audio surround 7.1.
In un sistema audio surround 7.1, vengono aggiunti altri due altoparlanti come canali “surround” o “altezza”.

Dolby Atmos, in generale, è un formato surround costruito attorno a canali aggiuntivi focalizzati sull’altezza. Il risultato finale? Un’esperienza audio surround 3D completa che ti porterà il più vicino possibile a stare seduto in un vero cinema.

Le configurazioni Atmos comuni includono 5.1.2, 5.1.4, 7.1.2 e 7.1.4 — con la prima cifra che rappresenta la configurazione dell’altoparlante principale, la seconda cifra per quanti subwoofer sono in uso e l’ultimo numero per quanti dedicati Ci sono canali di altezza Atmos.

Layout Dolby Atmos 5.1.4 che utilizza 9 canali con quattro altoparlanti anteriori e surround abilitati Dolby Atmos
Layout Dolby Atmos 5.1.4 che utilizza 9 canali con quattro altoparlanti anteriori e surround abilitati Dolby Atmos

Mentre il modo migliore per ottenere una completa immersione in Dolby Atmos è con altoparlanti da soffitto dedicati e down-firing in disposizioni di due o quattro, puoi anche acquistare altoparlanti da pavimento e da scaffale predisposti per Atmos che dispongono di driver aggiuntivi sulla parte superiore dei cabinet. Questi altoparlanti superiori sparano verso il soffitto, dove le onde vengono rimbalzate verso il basso per un effetto di “altezza” simulato.

Se sei limitato agli immobili disponibili ma vuoi comunque avvicinarti il ​​più possibile a un’esperienza Atmos completa, ci sono anche alcune soundbar Dolby Atmos piuttosto sorprendenti che sono state costruite da zero per affrontare il suono Atmos.

Netflix su una TV.

Phil Nickinson/Trend digitali

Atmos e Netflix: l’audio premium incontra i prezzi premium

Uno dei modi più popolari per provare la potente potenza del suono Dolby Atmos è attraverso il tuo abbonamento Netflix. Sfortunatamente per alcuni di noi, questo richiederà un po ‘più di denaro in anticipo per iniziare le cose. Questo perché Netflix blocca i film e gli spettacoli Dolby Atmos dietro il paywall del loro piano mensile più costoso — il livello Premium di $ 20 al mese.

Certo, il piano Standard da $ 15,50 al mese di Netflix ti offre streaming HD illimitato su due schermi contemporaneamente. Ma se hai già sborsato l’importo per un sistema di altoparlanti o una soundbar Atmos, è probabile che tu abbia un’incredibile TV 4K per abbinare il tuo audio di prim’ordine. Per $ 20 al mese, non solo il piano Premium di Netflix sblocca l’audio Dolby Atmos (per i titoli disponibili), ma hai anche accesso a una vasta libreria di film e programmi UHD Netflix su un massimo di quattro schermi contemporaneamente.

Come sapere se ottieni Dolby Atmos

Simon Cohen/Digital Trends e Nate Barrett/Digital Trends

Un collegamento a margherita di dispositivi abilitati per Atmos

Hai aggiornato il tuo piano Netflix e ora puoi definirti con orgoglio un abbonato “Premium”. Fantastico, quindi quando inizia il divertimento di Atmos?

Per prima cosa: oltre a tutti quegli altoparlanti Dolby Atmos che hai installato scrupolosamente lo scorso fine settimana, per ottenere un suono Atmos completo, devi assicurarti che ogni il componente e la connessione allineati dentro e fuori dal ricevitore A/V, dalla soundbar e dalla TV sono adeguatamente attrezzati per gestire e trasmettere Dolby Atmos.

Se prevedi di accedere a Netflix da un dispositivo di streaming come una Apple TV 4K o un Roku Streaming Stick, questi dispositivi bisogno per essere compatibile con Dolby Atmos. Lo stesso vale per qualsiasi cavo HDMI (18 Gbps o superiore) che utilizzerai per collegare questo hardware al tuo ricevitore A/V o soundbar. E sì, hai indovinato: il tuo ricevitore e soundbar assolutamente deve essere costruito per elaborare anche il codec Atmos.

Stai pianificando di accedere a Netflix tramite la tua smart TV? Dovrai assicurarti che la tua TV sia in grado di trasmettere Dolby Atmos al ricevitore A/V o alla soundbar Atmos tramite HDMI ARC. Dovrai anche assicurarti che la versione dell’app di Netflix creata per la tua TV (o dispositivo A/V) possa supportare Atmos in tutto e per tutto. Sì, è un po’ scoraggiante, ma in realtà le prestazioni di Atmos di Netflix possono variare da un componente hardware all’altro, cosa che abbiamo scoperto esaminando da vicino il formato.

Dolby Atmos TV su un supporto.

Conferma che stai effettivamente ascoltando Dolby Atmos

Quando sfogli la libreria di film e programmi di Netflix, i titoli disponibili in Dolby Atmos visualizzeranno un’icona Atmos accanto alla loro descrizione.

Tieni presente che non tutte le stagioni o gli episodi di uno spettacolo compatibile con Dolby Atmos supporteranno Atmos. Ci sono anche alcune difficoltà linguistiche da affrontare, poiché non tutti i programmi TV o i film su Netflix supportano Atmos per tutte le opzioni linguistiche disponibili.

Detto questo, c’è un modo infallibile per sapere che l’audio che esce dai tuoi altoparlanti Atmos lo è in realtà Suono dell’atmosfera? La risposta breve è sì. La maggior parte dei sintoamplificatori e soundbar A/V sarà dotata di una sorta di pannello di visualizzazione che ti darà una lettura del tipo di codec audio surround con cui sta attualmente lavorando. Nella maggior parte dei casi, il display leggerà “Atmos” o “Dolby Atmos” durante la decodifica dell’audio Atmos.

Se stai emettendo Atmos da una smart TV e in un ricevitore A/V o soundbar, c’è una buona possibilità che la tua TV vomiti una sorta di indicatore Atmos rapido quando inizi a trasmettere in streaming il tuo film o programma Atmos.

Meglio ancora, se il telecomando della tua TV ha una sorta di pulsante Info o Stato, dopo aver premuto uno di questi, dovresti vedere una sorta di piccola lettura sullo schermo della TV che ti dice quale risoluzione viene visualizzata, quale frequenza di aggiornamento sta funzionando la TV con e che tipo di audio viene elaborato. Se “Atmos” è scritto per intero o abbreviato, significa che la tua TV sta inviando correttamente Atmos alimentato da Netflix al tuo sistema A/V.

Raccomandazioni degli editori






Leave a Reply

Your email address will not be published.